In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Magesta, piano fronte mare per Riviera e Maximilian’s

L’imprenditore Benvenuti, ad della società, concentra gli investimenti a Grignano fra hotel e residence. Operazione finanziario-immobiliare a sostegno del progetto

1 minuto di lettura
Una veduta dell’hotel Riviera, che si trova lungo la strada Costiera 

TRIESTE Il destino si chiama Grignano. La famiglia Benvenuti, senza alcuna connessione con lo sceneggiato televisivo di fine anni Sessanta, ha deciso di concentrare attività e risorse sul fronte mare, puntando sul binomio formato dal Riviera e dal Maximilian’s, dirimpettai sulla Costiera dove a monte e a valle sembrano quasi controllare accesso/uscita dalla città.

Una strategia che era stata delineata già prima del delicato periodo nel quale oggi si trova a sopravvivere il settore alberghiero. «Abbiamo due progetti di ampliamento riguardanti l’hotel e il residence - preannuncia l’amministratore delegato della società Magesta, Alex Benvenuti - ai quali ci dedicheremo non appena questa congiuntura lo consentirà».

Il Grand hotel Duchi d’Aosta di piazza dell’Unità d’Italia, nel cuore del centro cittadino di Trieste 


L’opzione-mare sarà sostenuta - precisa Benvenuti - senza ricorrere alla leva bancaria ma realizzando un’operazione immobiliare-finanziaria in via di definizione, sulla quale l’imprenditore preferisce mantenere ancora il riserbo.

Si ricorda che rientrano nelle disponibilità di Magesta gli hotel Duchi d’Aosta e Vis à vis, anch’essi dirimpettai in piazza dello Squero Vecchio, una delle numerose denominazioni che assume il collegamento viario tra le Rive e largo Riborgo. Inoltre un paio di anni fa la società acquisì anche per 2,6 milioni Villa Hausbrandt, mille metri quadrati più 13.000 mq di parco tra Costiera e viale Miramare, proveniente dal fallimento Alikè e transitata dalla Banca di credito cooperativo Staranzano & Villesse.



Riviera e Maximilian’s sono asset con storie e vocazioni differenti ma integrate. L’albergo nasce addirittura alla fine del secolo XIX e conosce un primo importante ampliamento negli anni Sessanta. La riqualificazione a cura dei Benvenuti viene intrapresa tra il 2013 e il 2016, al termine di un iter amministrativo contrassegnato dall’approvazione del piano particolareggiato nel 2006.

Il Maximilian’s, ubicato esattamente dall’altra parte della strada costiera rispetto al Riviera 


Si trattò di un restyling impegnativo, supportato da un investimento di 6 milioni di euro, che interessò l’ingresso, la reception, la superficie delle stanze (scese da 47 a 35 per accrescerne la comodità). Venne realizzata ex novo una Spa, aperta anche per chi non è cliente dell’albergo, dotata di una superficie di 310 metri quadrati (compresa la terrazza) dove ampie vetrate agevolano l’affaccio sulla sottostante baia.



Se attraversiamo la Costiera, veniamo a sapere che già nel settembre 2017 Benvenuti presentò in Regione istanza di autorizzazione per l’ampliamento del Maximilian’s. Con l’idea di incrementare la superficie da 600 a 880 mq e di creare tre nuovi appartamenti, che avrebbero alzato a 12 la disponibilità di alloggi da destinare, a seconda delle stagioni, al turismo familiare o al comparto business. L’operazione assorbe un milione di euro. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori