Contenuto riservato agli abbonati

La Croazia riparte: piano spalmato su tre settimane

Il lungomare di Spalato

Da oggi i primi via libera con il commercio e il trasporto pubblico. Tra sette giorni le chiese 

La Croazia morde il freno, in Istria i casi di coronavirus sono stati azzerati, un po’ più difficile la situazione in Dalmazia con alcuni focolai in case di riposo a Spalato e a Dubrovnik. Ma l’industria principale del Paese, quella che vale il 20% del Pil, ossia il turismo, deve in qualche modo ripartire per salvare il salvabile. Il governo croato così ha approvato un piano di allentamento delle misure restrittive di contrasto all'epidemia del coronavirus, che prevede le prime riaperture di molti esercizi commerciali già da questa settimana, ma con l'obbligo di rigorose misure igieniche e della distanza interpersonale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi