Posta di Santa Croce riaperta a sorpresa: sarà attiva tre giorni alla settimana

L'ufficio postale di Santa Croce

L’ufficio del borgo garantirà il servizio sul Carso occidentale in alternanza con quello di Prosecco. Il sollievo dei pensionati

SANTA CROCE Contrordine, si riapre. Inatteso e al tempo stesso positivo epilogo per la tormentata vicenda relativa all’ufficio postale di Santa Croce, chiuso da tempo.

Ieri mattina, alle 8.20, il portone di accesso allo sportello si è improvvisamente aperto e subito, nel piccolo centro dell’altipiano, si è diffusa la lieta notizia, al punto che, a metà mattina, c’era la fila in attesa, all’esterno dell’edificio. Molti ovviamente i pensionati: erano stati soprattutto loro a patire in quest’inizio del mese le conseguenze della prolungata chiusura degli uffici postali di Santa Croce e di Aurisina, il primo per scelta della Direzione di Poste Italiane, il secondo a causa del colpo con l’esplosivo durante le feste di Natale. Una situazione che li costringeva, per riscuotere la pensione, a recarsi in quello di Prosecco, peraltro attivo solo tre giorni a settimana.



La decisione di Poste ha preso un po’ tutti in contropiede, in quanto, fino a poche ore prima, dall’Ufficio relazioni istituzionali della Spa era stata data comunicazione che, delle richieste di riapertura dello sportello di Santa Croce, si sarebbe tenuta «debita considerazione». Nulla che facesse presagire una riapertura, tanto meno così ravvicinata.

Ieri mattina invece la svolta. Sempre ieri, Poste Italiane ha diffuso una nota nella quale si precisava che l’Ufficio di Santa Croce, che ha sede al civico 274 del borgo, «ha riaperto oggi (ieri, ndr) al pubblico e garantirà il servizio tre giorni la settimana: martedì e giovedì dalle 8.20 alle 13.45 e sabato fino alle 12.45».



Nello contempo Poste italiane sottolineava che «sono state adottate varie misure di sicurezza, tra cui la procedura di sanificazione e l’installazione di circa 14 mila pannelli schermanti in plexiglass, oltre al posizionamento di strisce di sicurezza idonee a garantire il distanziamento interpersonale, a tutela sia della clientela sia dei dipendenti dell’azienda».

Poste Italiane ricorda infine che «ogni cliente è invitato a recarsi negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili».

Torna dunque il sereno per chi sull’altipiano ha necessità di recarsi in posta, che potrà così orientarsi fra l’ufficio di Prosecco, aperto il lunedì, il mercoledì e il venerdì e quello di Santa Croce, operativo appunto il martedì, il giovedì e il sabato. Il tutto nell’attesa della ripresa dell’attività di quello di Aurisina e dell’installazione, sempre sull’altipiano, di un Postamat, apparecchiatura molto utile e che consente, soprattutto in periodi come quello attuale, di evitare di intasare gli sportelli.—


 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi