Contenuto riservato agli abbonati

In picchiata i reati commessi a Trieste: due terzi in meno da un anno all’altro

Il coprifuoco ha fatto crollare a marzo il tasso di “delittuosità”. Ma in prospettiva occhio al fenomeno dell’usura

TRIESTE. Di fronte al dramma in cui il coronavirus ci ha trascinati, emerge pure un dato, per sua natura, positivo: è crollata la cosiddetta “delittuosità”. Vuol dire che i reati continuano a esserci ma sono in netto calo. A Trieste e provincia, nel mese scorso, e più precisamente nel periodo dal 1 al 29 marzo, sono infatti diminuiti del 64% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi