In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Un bambino di tre anni in terapia intensiva migliora grazie a Leo, il cane da pet-therapy di un ospedale inglese

2 minuti di lettura

Il piccolo Oscar Haskell non ha avuto una vita facile: quando aveva solo tre anni gli è stato riscontrato un tumore al cervello che lo ha portato a essere ricoverato in terapia intensiva all’ospedale pediatrico di Southampton, nel Regno Unito. Il suo battito cardiaco era estremamente accelerato – spiega il Mirror che ha raccontato la storia – e i medici hanno detto alla madre Zoe Relph di prepararsi al peggio: il piccolo Oscar sembravano non potesse farcela. In quel momento i medici hanno deciso di far intervenire Leo, un Golden Retriever impiegato nell’ospedale come cane da pet therapy, incontrando le perplessità della madre. 

«Non sapevamo se poteva sentirci o no. Ma gli avevo promesso che gli avrei preso un cucciolo» racconta la donna e così ha accettato l’intervento di Leo. E nel momento in cui il cane da pet therapy ha appoggiato la sua zampa sulla mano di Oscar è accaduto l’incredibile: «Immediatamente la frequenza cardiaca del bambino è diminuita. È stato stupefacente. I medici di terapia intensiva si sono commossi. Sembrava un miracolo. Oscar non aveva mosso il viso, ma a un certo punto ha abbozzato un sorriso» racconta la madre del bambino aggiungendo: «Penso davvero che se non fosse stato per Leo, Oscar si sarebbe lasciato andare. Leo non ha mai lasciato il bambino. Lindsey, la conduttrice del cane, per portarlo a casa doveva quasi trascinarlo perché probabilmente avrebbe voluto dormire al suo fianco. Tra i due si è subito creato un legame straordinario».

Tutto questo è accaduto quattro anni fa, nel frattempo Oscar è migliorato di giorno in giorno nonostante gli sia stato diagnosticata una un’encefalomielite acuta disseminata. Ma grazie agli stimoli, al rapporto speciale con Leo riesce a condurre una vita quasi normale.

E’ per storie come questa che Leo e gli altri cani dell’ospedale pediatrico di Southampton sono in corsa per vincere il premio “Friends for Life” al Crufts 2020 in corso a Birmingham: Lyndsey ha visto bambini svegliarsi dalla sedazione alla presenza dei cani, ha visto bambini come Oscar sorridere dopo un lungo silenzio o muovere i primi passi nella riabilitazione. Tutto grazie agli straordinari “stimoli” dei cani da pet therapy: «Se riusciamo a dare loro quel pizzico di magia che trasmette il cane, è davvero fantastico. Quel sorriso ha significato molto per tutti. Si tratta di mantenere il bambino con un processo di pensiero positivo. I cani come Leo non sono lì per persuadere o ingannare, sono semplicemente cani. Siamo il ponte tra il team sanitario e il bambino».

Segui LaZampa.it su Facebook (clicca qui)Twitter (clicca qui) e Instagram (clicca qui)

Il cane da pet therapy mostra ai bambini come funziona la macchina per i raggi x

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Intervista a Cesare Pierbattisti, medico veterinario: «Il caso di Hong Kong ha creato grande preoccupazione, ma è nelle condizioni normali che dovremmo aumentare il livello di attenzione»]]

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) 1.38558097]]

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) 1.38555500]]

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) La presidente dell’associazione “Save the dogs and other Animals”: «Il giorno dopo il mio ritorno ho ricevuto una telefonata dalla Asl di Costanza in cui mi hanno spiegato che dovevo rimanere confinata e senza contatti con altre persone per due settimane. E così sto facendo»]]

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) 1.38553453]]

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) 1.38550377]]

I commenti dei lettori