Contenuto riservato agli abbonati

Dall’esodo ai trionfi: all’Irci il fumetto sulla vita di Benvenuti

Oggi alle 18 la presentazione col videomessaggio di Nino: «A chi nega rispondo che io non dimentico le mie origini»

TRIESTE Il pugile Nino Benvenuti interverrà con un videomessaggio oggi all’Irci di via Torino per la presentazione della graphic novel biografica su di lui, intitolata “Il mio esodo dall’Istria”. Una pubblicazione della casa editrice Ferrogallico, che in questi anni sta mettendo in fumetto alcuni baluardi storici della destra italiana, dal rogo di Primavalle alla vita di Almerigo Grilz. Un catalogo in cui non poteva mancare il pugile esule dall’Istria, le cui simpatie politiche non sono mai state un mistero.

L’introduzione di Benvenuti al volume parla chiaro: «Solo la forza di chi non ha mai abbassato la testa, di chi nonostante tutto ha conservato la propria dignità, di chi non si è mai arreso, ha ridato voce a tutti noi istriani, fiumani e dalmati, anzi italiani - scrive il pugile -. Sì, perché lo eravamo prima e lo siamo oggi. Italiani. Nessuno di noi ha mai cessato di esserlo e questo vorrei gridarlo a chi, al nostro rientro forzato in Italia, ci ha accolto con insulti, con offese, con brutalità. A chi per oltre mezzo secolo ha negato le migliaia di morti, le violenze, le foibe. A chi, ancora oggi, nega. Io non ho mai dimenticato. Chi sono, da dove vengo, le mie origini. Mi chiamo Nino, Nino Benvenuti. Questa è la mia storia».


L’incontro si terrà all’Irci alle 18, alla presenza degli autori Mauro Grimaldi ed Emanuele Merlino. Interverranno il sindaco Roberto Dipiazza e l’assessore regionale all’Ambiente Fabio Scoccimarro. L’introduzione spetterà al presidente Irci Franco Degrassi.

Il fumetto racconta parte dall’infanzia istriana di Benvenuti per arrivare alle foibe, all’esodo seguito alla Seconda guerra mondiale e infine alla spettacolare carriera pugilistica dell’esule. Di Ferrogallico si ricordano pubblicazioni dedicate a Grilz, all’assassinio di Norma Cossetto, nonché la contestata “Adam - Una storia di immigrazione”, opera di un giornalista de La Verità. Il sito dell’editore propone al momento tre collane, una intitolata “Anni 70”, l’altra “BioGrafica” e l’ultima “Europea” (scritta in gotico e accompagnata da un’immagine di Waffen Ss). —


 

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi