Contenuto riservato agli abbonati

Striscioni di CasaPound contro i partigiani titini a Trieste: la condanna di Lubiana

In alto lo striscione di CasaPound affisso sulla parete della Casa della cultura slovena a Opicina. Cartelloni simili sono comparsi in tutta Italia. Sotto la scritta a Basovizza che offende Norma Cossetto. Foto Lasorte

Sono stati affissi in luoghi simbolo della minoranza a Opicina, Bagnoli e Muggia Poche ore prima, nella zona di Basovizza, scritta oltraggiosa su Norma Cossetto

TRIESTE. Sono subito scattati gli accertamenti da parte della Digos sui blitz a colpi di scritte e striscioni legati al Giorno del Ricordo che si sono registrati tra domenica e ieri mattina. Due manifesti contro i partigiani titini, definiti «infami e assassini», corredati dal simbolo della tartaruga di CasaPound sono stati affissi in due luoghi di alto valore simbolico per la comunità slovena: il muro della casa della cultura slovena (Prosvetni dom) di Opicina e su una parete esterna del teatro e centro polifunzionale Preseren di Bagnoli, a San Dorligo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Animali altruisti: la storia di Koko, la gorilla che adottò il gattino

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi