Contenuto riservato agli abbonati

Mistero leonardesco nascosto in un raro fossile di Bosc di Sot

Il frammento di Paleodycton, conosciuto come “Fossile di Leonardo da Vinci”, ritrovato a Bosc di Sot

Rinvenuto un Paleodycton già descritto dal genio toscano nel Leicester Codex. Il frammento potrebbe essere la chiave per risolvere un enigma scientifico

CORMONS Il termine scientifico è Paleodycton, ma in gergo meno tecnico è conosciuto come “Fossile di Leonardo da Vinci”. Il genio toscano fu infatti il primo a studiarlo, e ora nella casistica dei luoghi in cui è stato visionato entra anche Cormons.

Il paleontologo goriziano Andrea Baucon, uno dei massimi esperti mondiali di questo specifico settore, e il naturalista cormonese Michele Tofful hanno recentemente osservato questa tipologia particolare di fossile nelle rocce rinvenute in località Bosc di Sot.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi