Foibe, a Trieste le prime pietre d’inciampo in ricordo delle vittime

Dono di Fratelli d’Italia, sono dedicate a 11 poliziotti caduti e a Norma Cossetto

TRIESTE. Trieste avrà le prime pietre d’inciampo dedicate alle vittime delle foibe. Lo ha annunciato nella mattinata di oggi, sabato 8 febbraio, l’esponente di Fratelli d’Italia, Fabio Scoccimarro, in occasione della Giornata del Ricordo che sarà celebrata il 10 febbraio.

Una iniziativa di Fratelli d’Italia, ha spiegato, e sua personale, quella di donare al Comune del capoluogo giuliano le prime 13 pietre d’inciampo "in ricordo di tutti quelli che subirono l’invasione di Tito": undici quelle dedicate "ai poliziotti che vennero prelevati il 1 maggio del 1945 e successivamente infoibati" dal regime jugoslavo; una a Norma Cossetto, studentessa istriana torturata e gettata anche lei nelle foibe; e una in memoria di tutte le vittime che sarà donata al sindaco Roberto Dipiazza.

«Nessun paragone con le vittime della Shoah e alle pietre d’inciampo dedicate alle vittime dell’olocausto», assicura Scoccimarro. «Si tratta di storie diverse». Queste pietre, sottolinea l’assessore di FdI «sono un gesto d’amore per i caduti e onorare tutte le vittime di qualsiasi parte». L’auspicio è che ci sia un seguito parlamentare a questa iniziativa e che le associazioni che custodiscono la memoria delle vittime delle foibe vengano «contagiate da questa iniziativa» ha poi concluso.

Video del giorno

Incendio nell'Oristanese, le fiamme nel centro abitato di Cuglieri: le immagini dei danni

Cotolette di ceci con maionese all'erba cipollina

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi