In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Oggi le prove sulla linea del tram di Opicina fra piazza Dalmazia e piazzetta Casali

Interventi di manutenzione e test per verificare eventuali dispersioni elettriche. Un altro piccolo passo verso la riattivazione

Lorenzo Degrassi
1 minuto di lettura
I divieti per permettere le prove del Tram (Lasorte) 

TRIESTE Ripartono i lavori propedeutici alla riattivazione dello storico tram di Opicina. La Trieste Trasporti, infatti, fa sapere che venerdì 24 gennaio, a partire dalle 8 e per tutto l’arco della giornata, sono in programma degli interventi di manutenzione sulla linea tranviaria nel tratto compreso fra piazza Dalmazia e piazzetta Casali. Prove tecniche sulla falsariga di quanto accaduto nell’ultima settimana di novembre. Anche in questa circostanza, rende noto sempre Tt, la corsia di via Martiri della Libertà normalmente riservata alla trenovia, e ora “adibita” a parcheggio selvaggio, dovrà essere lasciata sgombra dalle autovetture per l’intera durata dei lavori.

I vigili sulle rotaie del tram in attesa delle prove tecniche (Lasorte) 


La stessa Trieste Trasporti, come accaduto nei giorni dell’ultimo test, ha provveduto a segnalare in modo bonario, attraverso un volantino sui parabrezza, che le vetture che si dovessero trovare ancora sul percorso del tram venerdì mattina, verranno rimosse dalla Polizia locale. Le operazioni di manutenzione, e le parallele prove tecniche con i mezzi in movimento sulla linea, saranno focalizzate all’accertamento della correttezza dei valori presenti su tutta la linea elettrica di alta tensione. I test, infatti, anche se comporteranno la presenza “fisica” del tram solamente nella parte inferiore del tragitto, serviranno ai tecnici della Trieste Trasporti per verificare se su tutta la linea siano presenti dispersioni di corrente. Una strada, quella del ritorno all’attività del tram, che pare finalmente in discesa, dopo vari intoppi.

Da ultimo era stato il ricorso, prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, di una ditta che non era stata invitata alla gara d’appalto per la sostituzione di traversine e binari a fermare l’iter per la riattivazione del tram. Ricorso bocciato perché, secondo quanto stabilito dai giudici, la procedura del Comune aveva rispettato le regole con l’invito mandato a 15 ditte come da protocollo.



Un altro scoglio lungo questo percorso a ostacoli per il ripristino della trenovia è stato quindi superato. L’obiettivo, come dichiarato nei mesi scorsi dall’assessore ai Lavori pubblici Elisa Lodi, è quello di riaprire la linea verosimilmente tra la fine dell’estate e la prossima Barcolana. Con la speranza neppure troppo nascosta di poter anticipare l’operazione a giugno, in modo da averlo a disposizione in chiave turistica già per la stagione estiva. —


 

I commenti dei lettori