Tecnico triestino morto negli abissi dell'Angola: rientrata la salma

Wolfrang Galletti

L'annuncio dell'avvocato della famiglia di Wolfrang Galletti. Possibile una nuova autopsia

TRIESTE «La salma di Wolfrang Galletti è giunta lunedì sera (20 gennaio, ndr) intorno alle 23 a Trieste. Procederemo alla traduzione dei documenti relativi all'autopsia svolta in Angola e decideremo se effettuare un nuovo esame autoptico». È quanto annuncia l'avvocato Andrea Piras, legale della famiglia del 43enne tecnico triestino morto il 27 dicembre scorso mentre stava lavorando ad un impianto a largo delle coste angolane.

In base a quanto si apprende nei giorni scorsi i familiari hanno comunicato alla Procura di Trieste quanto avvenuto con un atto formale in modo tale potere consentire l'apertura di un fascicolo di indagine.

«In queste ore - aggiunge Piras - stiamo raccogliendo il materiale inviato dall'Angola e il referto dell'esame autoptico svolto nei giorni scorsi».

In base a quanto fino ad esso ricostruito Galletti sarebbe rimasto schiacciato da una conduttura posizionata a circa 80 metri di profondità. Resta da chiarire la dinamica di quanto avvenuto intorno alle 22 del 27 dicembre scorso e cosa ha causato l'improvviso movimento della conduttura.

Video del giorno

Trieste, scivola dalle scale di accesso al mare di Barcola

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi