Biovalley, nasce a Trieste il nuovo polo della salute per attrarre startup

Nella società di Diego Bravar guidata dall’ad Giovanni Loser entra come investitore l’incubatore Bio4dreams partecipato da Friulia

TRIESTE  A Trieste nasce il polo dell’innovazione con l’obiettivo di attrarre e creare nuove start up nel mondo della salute. Il tutto grazie al concreto supporto dato dalla Bio4Dreams, che ha deciso di investire 250 mila euro nella Biovalley Investments Partner. La holding industriale che opera nel settore biomedicale, presieduta da Diego Bravar e con Giovanni Loser amministratore delegato, dopo aver completato la prima fase di raccolta fondi nel corso del 2019 e aver così portato il capitale sociale a 6,6 milioni di euro, ne sta raccogliendo ora ulteriori 800 mila sulla piattaforma CrowdFundMe. Un grande risultato raggiunto anche grazie alla partecipazione della stessa Bio4Dreams. «Con Bio4 Dreams abbiamo deciso di operare in un settore strategico, le scienze della vita – spiega il presidente della Biovalley Investments Partner, Diego Bravar – in modo da capitalizzare la ricerca e il tessuto imprenditoriale del nord est. Per questo abbiamo costituito una holding industriale che investe nel settore biomedicale».



Un dialogo, quello tra Biovalley Investments Partner e Bio4Dreams, nato spontaneamente in considerazione del settore di investimento (le scienze della vita, ndr), ma dai profili di investimento distinti. Bio4Dreams selezionerà i progetti e le idee imprenditoriali delle start-up, mentre Biovalley Investments Partner aiuterà a velocizzarne la crescita e a inserire quelle più promettenti nella propria pipeline. «Dopo la raccolta di capitali sostenuta nel 2019 da privati – spiega Giovanni Loser – tutti però provenienti da Trieste e dintorni, abbiamo deciso di affacciarci fuori dalla Regione. Per farlo abbiamo utilizzato lo strumento del crowdfunding (una sorta di finanziamento collettivo, ndr) in modo da rivolgerci a tutti gli investitori italiani e non solo a quelli locali». Fondamentale, in tal senso, il supporto della finanziaria regionale Friulia.



«Con l’entrata di Friulia fra gli azionisti di Biovalley Investment Partner – prosegue Loser – potremo creare il nuovo polo dell’innovazione dedicato alla salute». Biovalley Investments Partner Srl è una holding industriale innovativa, fondata nel 2017, con sede presso il polo incubatori Bic di via Flavia. Il core business della società è focalizzato negli investimenti in start-up innovative operanti nei mercati della biomedicina, delle scienze della vita e mediche. Ha al suo attivo un capitale sociale pari a 6,6 milioni di euro e conta partecipazioni in 11 aziende. Lo strumento attraverso il quale è stato raccolto il denaro è, come detto, il crowdfunding. Per farlo la Biovalley Investment Partner ha utilizzato il portale CrowdFundMe, una piattaforma quotata anche a Piazza Affari che ha già dato prova di saper sostenere le start-up innovative e al tempo stesso di essere capace di valorizzare le holding industriali che investono nelle piccole e medie imprese Elisabetta Borello è una delle cofondatrici di Bio4Dreams e spiega così il supporto dato dall’azienda alla Biovalley Investment Partner.«Si tratta di un passo importante per la nostra società – spiega – che contribuirà ad avviare un percorso virtuoso fra le due realtà. Grazie ai nostri 340 progetti valutati e le 14 start-up avviate – prosegue la Borello – crediamo che questa operazione possa creare ulteriore valore ad entrambe le società, perché la complementarietà e la sinergia tra Bio4Dreams e Biovalley Investment Partner può ampliare il ventaglio di scelte di investimento e, contestualmente, le start-up presenti nel nostro incubatore». —


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi