Contenuto riservato agli abbonati

Portopiccolo al fondo internazionale Hig: chiusa la “super trattativa” da 150 milioni

Rizzani de Eccher conserva quote di minoranza. La nuova proprietà: «Avanti col piano di crescita in nome dell’eccellenza»

DUINO AURISINA. Portopiccolo - dopo le indiscrezioni del 2019 - cambia ufficialmente proprietà. È di 150 milioni di euro il prezzo pagato dalla H.I.G. Realty Partners, divisione dedicata agli investimenti immobiliari del fondo internazionale H.I.G. Capital, per l’acquisizione della struttura turistica della baia di Sistiana.

La H.I.G, che ha la propria sede principale a Miami e vanta un capitale complessivo in gestione di 31 miliardi di euro, è subentrata, come nuovo azionista di maggioranza, alla Rizzani de Eccher, la spa di Pozzuolo del Friuli che si occupa di costruzioni nel settore dell’edilizia civile, industriale e delle infrastrutture, che deteneva la maggioranza delle quote della Rilke, la srl proprietaria di Portopiccolo.


La società d’oltreoceano è uno dei principali fondi di private equity internazionali e ha filiali distribuite in tutto il mondo, una delle quali ha gli uffici a Milano, dove sono stati curati tutti i dettagli del passaggio.

L’operazione è maturata a cavallo delle festività natalizie, dando concretezza a voci che si stavano rincorrendo da mesi, ed è stata completata in collaborazione con InvestiRe Sgr, attraverso l’ingresso di H.I.G. all’interno di un nuovo fondo immobiliare di diritto italiano, appositamente costituito e gestito dalla stessa casa madre.

Dalla sede milanese della H.I.G. Capital sono già arrivate le prime rassicurazioni sul futuro di Portopiccolo. «Attraverso questa operazione, H.I.G. e InvestiRe intendono proseguire il piano di rilancio di Portopiccolo iniziato dal gruppo Rizzani de Eccher – si legge in una nota – con l’obiettivo di ampliare l’offerta per tutti gli utenti del borgo. Il piano – continua il testo – si avvarrà dell’esperienza di selezionati partner industriali per la valorizzazione delle diverse componenti del borgo di Sistiana».

Per Portopiccolo - struttura complessa realizzata quattro anni fa nell’area che un tempo ospitava la cava di Sistiana con un investimento superiore ai 350 milioni di euro, e costituita da 440 appartamenti privati, alcuni dei quali devono ancora essere venduti, oltre che da una marina, un centro benessere, uno stabilimento balneare, ristoranti e un albergo di lusso - si tratta di una svolta storica.

Secondo Gabriele Magotti - managing director di H.I.G. Realty Partners Europe - «per il pregio delle infrastrutture e gli elevati standard qualitativi, Portopiccolo rappresenta un luogo unico nel panorama europeo. Siamo soddisfatti di poter sostenere questo splendido borgo nel suo progetto di crescita e di intraprendere un percorso di collaborazione, all’insegna dell’eccellenza e dell’innovazione, con l’obiettivo di valorizzare al meglio le peculiarità proprie e distintive che fanno di Portopiccolo una gemma del Mediterraneo». Per Dario Valentino, amministratore delegato di InvestiRe Sgr, «quest’operazione rappresenta un’importante opportunità per consolidare il nostro rapporto con H.I.G. e per ampliare la nostra esposizione ed l’expertise nel settore turistico ricettivo, confermandosi tra le Sgr più attive in questo specifico segmento immobiliare». La Rizzani de Eccher non esce del tutto dalla scena: la spa friulana ha conservato quote di minoranza della Rilke srl.


 

Video del giorno

Trieste, insegnanti e genitori in piazza contro il Green Pass

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi