Contenuto riservato agli abbonati

L’Aci volta pagina con le elezioni del nuovo direttivo: sfida fra due liste

Giorgio Cappel

Le idee per rilanciare una realtà travolta dalla “concorrenza”: dal Magazzino 26 alle convenzioni. In lizza il campione Lena

TRIESTE Da “attore” quasi monopolista in un settore di larghissima diffusione a piccolo “comprimario” in attesa di un rilancio che, sebbene possibile, richiede capacità organizzative e impegno non comuni, doti peraltro condivise da tutti gli otto candidati. È la “fotografia”, con relativo “flash-back” dell’Aci Trieste, la sezione locale dell’Automobile Club d’Italia che giovedì uscirà ufficialmente dal commissariamento con l’elezione di un nuovo direttivo.

Tutti gli automobilisti over 40 ricordano quando gli uffici dell’Aci di via Cumano erano il punto di riferimento, per alcune pratiche obbligatorio, per tutta una serie di pratiche burocratiche e attività connesse al possesso e alla gestione della propria vettura.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

A Trieste i funerali di Liliana, il marito: "La verità verrà fuori"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi