Hotel e locali fanno il pieno di turisti, Miramare registra il record

Boom di turisti tra Natale e l’Epifania. «Giornate straordinariamente positive». Parco e castello chiudono l’anno a quota 307 mila visitatori, 10% in più del 2018

TRIESTE Natale ed Epifania fanno il pienone di turisti. Alberghi quasi tutti esauriti, ristoratori soddisfatti e un boom di visitatori che si sono fermati anche per una settimana intera in città, in aggiunta a chi è arrivato in giornata per visitare il mercatino di Natale e altri eventi organizzati in questo periodo tra i quali la mostra su Escher allestita al Salone degli Incanti. Tanti visitatori anche nei musei, come a Miramare, che a dicembre, tra parco e castello, conclude un’annata da record.



«Come previsto il periodo è andato molto bene - conferma Guerrino Lanci, presidente di Federalberghi Trieste -. Se non abbiamo registrato il tutto esaurito, ci siamo andati davvero vicini. La permanenza media è stata più lunga del solito, tre giorni, e si sono visti anche soggiorni di una settimana. I clienti sono rimasti molto contenti, alla luce del bel tempo e delle iniziative presenti in città. Apprezzata ad esempio la mostra su Escher, oltre al mercatino di Natale. Abbiamo registrato anche un buon numero di presenze durante l’ Epifania. Sul fronte delle provenienze – aggiunge – al primo posto ci sono gli italiani, seguiti da austriaci e tedeschi, ci sono stati anche inglesi, francesi, spagnoli, qualche americano e anche un gruppo di maltesi».



Soddisfazione anche da parte di bar e ristoranti. «Un periodo ottimo, all’insegna di un movimento vivace e continuo - spiega Federica Suban, presidente della Fipe Trieste -. Anche nei giorni in cui di solito si registra una pausa, tra Natale e Capodanno, si è lavorato tanto: le giornate sono state caratterizzate da clienti numerosi. Molte persone quindi, e interessate alle tradizioni, per quanto riguarda l’enogastronomia. Anche se negli ultimi anni il flusso di turisti è sempre in crescita durante le festività – ricorda - questa volta le cose sono andate davvero bene».

Tanti visitatori anche nei musei, in particolare a Miramare che, il 5 gennaio, giornata di ingressi gratuiti, ha accolto ben 2.556 turisti al castello e 4.863 al parco. I vertici del museo ricordano poi come il 2019 sia stata un’annata con un record assoluto. Sono state infatti 307.177 le persone che hanno fatto tappa nella residenza di Massimiliano e Carlotta, dato che ha superato la soglia storica del 2017, quando i visitatori erano stati 293.911, con un +10,42% rispetto al 2018. «Il risultato positivo dimostrato dai numeri dello scorso anno - commenta la direttrice di Miramare Andreina Contessa - è interpretabile come un segnale di fiducia nell’operato della direzione e, nel contempo, come una risposta ai cambiamenti in corso che vanno tutti nella direzione di migliorare l’offerta culturale e di accoglienza nel Museo storico e nel Parco del Castello. Io lo interpreto anche come un incoraggiamento a continuare il lavoro che resta da fare. Sono grata ai cittadini che hanno accompagnato e assecondato questo percorso, con affetto e partecipazione». E sul web tanti i commenti positivi lasciati dalle persone che hanno scelto Trieste per le vacanze. Su uno dei siti più popolari di recensioni si legge: «Siamo venuti i primi giorni di gennaio – scrive un utente di Brescia - ancora con l’ambientazione natalizia. Veramente affascinante, romantica, e molto d’impatto. La consiglio». —


 

Zuppetta di sedano rapa, mela verde, quinoa, mandorle e cavolo nero

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi