Contenuto riservato agli abbonati

Nel “villaggio” dei papà separati tra ciclamini e tende alle roulotte

Nani da giardino, forni a legna, piante aromatiche e persino lucette di Natale sistemati con ordine davanti ad alcune delle roulotte abitate tutto l’anno all’interno del camping Obelisco a Opicina. Molte case mobili sono occupate da papà separati, schiacciati dal peso degli alimenti da versare alle ex e dalle spese da sostenere per i figli e quindi impossibilitati a pagare un alloggio in affitto

Il camping Obelisco ospita tutto l’anno una ventina di uomini, schiacciati dalle spese per ex e figli 

«Questo è l’angolo cucina. Qua c’è il letto dove ospiterei mia figlia se mi venisse a trovare mentre da questa parte ho creato la zona giorno. Ora finalmente ho anche la tv». Vivere in roulotte o in camper non per divertimento o per fare vacanza, ma perché la famiglia è andata in frantumi, e ci sono da pagare gli alimenti e le rate del mutuo della casa dove sono rimasti ad abitare moglie e figli.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi