In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Grado, ciclabile chiusa dopo i danni dell’acqua alta

Si procederà alle pulizie se il maltempo darà una tregua. La Rogos chiede ai volontari di fare ancora uno sforzo per ripulire tratti della Riserva

1 minuto di lettura

GRADO. La strada lagunare che da Grado porta a Belvedere-Aquileia è stata chiusa al traffico più volte e per più ore per l’acqua alta e la pulizia dei detriti. Attualmente è transitabile. Non lo è invece la pista ciclabile che corre a fianco e che è ancora ricoperta da alghe, sabbia, conchiglie e ramaglie. depositati dal mare.

Quel tratto di cinque chilometri che rappresentano la ciclabile più lunga in Europa in ambito lagunare, parte finale della Ciclovia Alpe Adria che parte da Salisburgo e arriva a Grado, è interdetto al passaggio da diversi giorni, cioè dalla notte fra il 12 e 13 che ha fatto registrare il maggior picco di acqua alta e danni a spiagge, strutture e argini della laguna oltre alle parti basse di abitazioni e attività. Un’ ordinanzaper la chiusura della ciclabile, è stata emessa da Fvg Strade obbligata alla decisione vista l’impraticabilità. Fintanto che non sarà resa perfettamente pulita gli appassionati della bicicletta ma anche chi la percorre con i pattini oppure a piedi, deve per forza di cosa farne a meno.. La competenza, come confermato da Trieste, è di Fvg Strade che procederà alla pulizia non appena la situazione meteorologica sarà tornata alla normalità. Pulizia dovrà essere fatta inoltre alla Riserva Naturale della Valle Cavanata.

La cooperativa Rogos che la gestisce ha promosso, infatti, la Giornata del volontariato ecologico in programma sabato. «Cari amici hanno scritto quelli della Rogos – dopo l’acqua alta di questi giorni anche la riserva naturale Valle Cavanata ha bisogno del vostro aiuto. Le mareggiate hanno portato molti rifiuti sulle spiagge della Riserva che potrebbero disgregarsi, entrare nella catena alimentare e nuocere agli organismi che vivono in Riserva e elle zone circostanti». Ricordano ancora quelli della Rogos che quest’anno tanti gruppi di volontari hanno già aiutato «ma ora abbiamo bisogno di voi più di prima». Il ritrovo è fissato per le 9.30 davanti al Centro Visite della Riserva dove saranno definiti i e gruppi che poi effettueranno gli interventi. L’attività di pulizia di concluderà alle 12.30. Ai volontari viene chiesto inoltre di portare guanti e calzature idonee (stivali). In caso di lieve maltempo l'appuntamento sarà garantito. In caso di grave maltempo, l'escursione verrà invece rimandata. —

An. Bo,
 

I commenti dei lettori