San Nicolò parla in triestino e arriva fino all’Ursus tra regali e refoli di bora