I sindacati alzano la voce «Trieste non può vivere solo di terziario e turismo»