La Cona sarà intitolata al suo creatore Perco

Omaggio alla memoria e ai suoi meriti naturalistici Protagoniste dell’evento la figlia Nicoletta e la vedova Chiara



Sabato sarà una giornata speciale per Staranzano. Alle 11 all’Isola della Cona, infatti, ci sarà un’importante cerimonia con l’intitolazione del Centro visite della Riserva naturale “Foce dell’Isonzo” al suo creatore, Fabio Perco. L’evento in programma viene considerato quasi un atto “doveroso” che prima o poi doveva arrivare. La decisione è stata decisa all’unanimità dall’Organo gestore della Riserva formato dai Comuni di Staranzano (capofila), Grado, San Canzian d’Isonzo e Fiumicello Villa Vicentina e dall’associazione Conservazione della Natura (Co.Na.) con sede al centro visite della Riserva.


La cerimonia prevede la presenza di amministratori locali e regionali. Per la Regione Friuli Venezia Giulia interverrà l’assessore regionale al Territorio, Graziano Pizzimenti, per il Comune di Staranzano il sindaco Riccardo Marchesan, invitati tutti gli assessori della giunta e il consiglio comunale al gran completo. Durante la cerimonia la figlia di Fabio, Nicoletta Perco, traccerà un ricordo del padre, sottolineando i suoi meriti naturalistici e quanto ha realizzato, soprattutto animato dalla sua passione per la natura. Alla vedova, signora Chiara, è stato affidato invece il compito di scoprire la targa di intitolazione posta su una parete dell’edificio del centro visite.

Oltre ad essere uno studioso di chiara fama nazionale, Fabio Perco, che fra l’altro ha progettato e seguito nei particolari la realizzazione del “Cona Wetland Centre” (Centro delle zone umide) dell’Isola della Cona, è stato da sempre un sostenitore della divulgazione ambientale e della fruizione di ambienti naturali da parte di un pubblico vasto. Perco è stato uno dei progettisti-fondatori della Riserva naturale “Foce dell’Isonzo” che ha gestito scientificamente attraverso la Stazione Biologica Isola della Cona che monitorizza continuamente in ogni stagione flora e fauna stanziale e migratoria e ha contribuito alla creazione di altre realtà importanti come la Riserva naturale Valle Cavanata, le Riserve naturali Foci dello Stella e Valle Canal Novo, la Riserva naturale del Lago di Cornino, l’Oasi dei Quadris Fagagna, e di molte altre, in Italia e all’estero.

«Il suo ricordo e il suo esempio di quanto ha fatto e ha lasciato – afferma il presidente di Co.Na., Graziano Benedetti -, saranno una guida importante sia per le attività della nostra associazione di cui è stato fino all’ultimo momento instancabile vicepresidente che per la vita dell’Isola della Cona».—



Video del giorno

Max Tramontini si candida come consigliere comunale di Trieste

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi