Primo passo per il progetto “Itsarcademy”, tutto pronto per il trasloco in Fondazione

Tra due settimane l’approdo negli spazi di via Cassa di Risparmio. Franchin: «Già coinvolti vari musei internazionali»

TRIESTE. Ci vorrà un anno e mezzo per concepire e allestire il nuovo progetto “Itsarcademy”, una «palestra globale della creatività, uno spazio performativo e di ricerca per professionisti, grandi e piccini, aperta alla città», che l’ideatrice e direttrice del talent scout International Talent Support, Barbara Franchin, lancerà ufficialmente nel 2021.

Moda, decolla il progetto "Itsarcademy" a Trieste: il teaser è uno spettacolo



Una data più vicina, però, nel calendario c’è già. Fra due settimane, infatti, la sede di piazza Venezia di Its verrà trasferita in via Cassa di Risparmio 10, dove ha sede la Fondazione CRTrieste. Il tran tran di scatoloni si concluderà a metà dicembre. I nuovi spazi, che accoglieranno il nuovo concept Itsarcademy, occuperanno 650 metri quadrati in comodato d’uso gratuito e altri 140 metri in locazione.

Il lavoro per dare vita a questa avventura sarà immenso. Ma in parte è già stato avviato. «Stiamo lavorando su più fronti», spiega il deus ex machina Franchin. Oltre ad aver ricevuto le adesioni da parte di diversi musei internazionali per la composizione del comitato scientifico, che disporrà le linee guida pluriennali, il team di Its sta predisponendo la revisione di tutti 18 mila portfolio che sono stati inviati negli anni dai partecipanti della manifestazione che dal 2002 racconta la moda internazionale.

«Dovremo poi digitalizzarli – aggiunge Franchin –. Da febbraio tutto il nostro patrimonio verrà restaurato. Stiamo anche lavorando ai progetti per i nuovi allestimenti, il nuovo sito web assieme a un’azione di re-branding». «Siamo emozionati – continua – e dobbiamo dire grazie alla Fondazione CRTrieste, che ha capito quali sono le valenze di questo progetto dalla forte connotazione culturale, ma anche turistica, con un’identità più forte, che si sviluppa sul territorio e che andrà a creare nuovi posti di lavoro».

Franchin, infatti, sta anche facendo dei colloqui alla ricerca di dieci nuove persone che verranno impiegate nella parte amministrativa, organizzativa e di fundraising (info@itsweb.org, oggetto: “staff Itsarcademy”).

In attesa del 2 dicembre (compleanno, tra l’altro, di Barbara Franchin) quando uscirà un documentario della tv cinese, continua l’interesse per il prezioso archivio che raccoglie tutto il materiale finora giunto a Trieste e inviato dai fashion designer di tutto il mondo in questi anni .

Negli scorsi giorni lo hanno visitato pure gli studenti sloveni della facoltà di Design dell’Università del Litorale di Trzin e quelli dell’istituto “Scarpa-Mattei” di San Donà. «I nostri studenti devono vedere e toccare questi tessuti e forme inusuali che stanno in un certo senso sparendo e conoscere il lavoro di altri studenti che sperimentano la moda in modo non convenzionale – spiega la docente dell’ateneo di Trzin Almina Durakovic –. Per me l’archivio è come una macchina del tempo». Ammaliati dal mondo Its anche i giovani veneti».

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
 

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi