Nell’Isontino anche 12 Comuni tra le vittime

A Luciano Gonnelli, Silvia Del Stabile, Alberto Minon, Fabio Cassan e Paolo Puntin l’avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato nei giorni scorsi. A coordinare l’inchiesta “Fuoco Amico” avviata dalla Guardia di Finanza di Gorizia è il pm della Procura di Udine Marco Panzeri. Tra le vittime della frode, per l’Isontino, ci sono i comuni di Grado, San Floriano, Cormons, Savogna, Romans, San Lorenzo, Moraro, Staranzano, Capriva, Farra, Dolegna del Collio e Mossa. In provincia di Udine, tra gli altri si contano Fiumicello, Muzzana, Visco, Aquileia, Ruda, Marano, Torviscosa, Villa Vicentina, Terzo d’Aquileia, San Vito al Torre, Aiello, Lignano Sabbiadoro e San Giorgio di Nogaro. Ma nella lista compaiono anche il carcere di Gorizia, l’Enaip Fvg, l’Inps, l’Enaip, l’Archivio di Stato, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli e la Croce Rossa.

«L’indagine ci ha sorpreso perché in territorio friulano è difficile immaginare una truffa di queste dimensioni», ha evidenziato il colonnello Giuseppe D’Angelo, comandante provinciale della Guardia di finanza. «Confidiamo che questa operazione possa essere un monito: qui parliamo della vita delle persone», ha aggiunto il capitano Andrea Gilardenghi.


BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Video del giorno

Max Tramontini si candida come consigliere comunale di Trieste

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi