Panche, anelli e sbarre: nella pineta di Barcola debutta la zona fitness

Dietro alla recinzione arancione sta prendendo forma l’area dedicata agli amanti dell’attività fisica. Inaugurazione a giorni

Trieste, debutta la zona fitness a Barcola



TRIESTE Sbarre di varie misure e altezze, panche per flessioni e piegamenti, anelli dove appendersi per allenare i muscoli. È ormai quasi ultimata nella pineta di Barcola l’area fitness, dove sono state installate diverse attrezzature, oltre al pavimento antiurto, una zona al momento ancora transennata, fino all’inaugurazione ufficiale, in programma la prossima settimana.

In tanti in questi giorni hanno sbirciato con curiosità dietro alla recinzione arancione. «L’opera segue quella di via de Marchesetti, inaugurata lo scorso autunno - ricorda l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Elisa Lodi -. Era richiesta dai cittadini da anni e si realizza nel contesto della pineta, dove chi ama fare sport potrà utilizzarla liberamente, in un contesto che ha mantenuto anche tutti gli spazi già esistenti, destinati ad altre attività e in particolare ai giochi per i bambini. Importante ricordare - aggiunge - che la novità è stata creata senza toccare le alberature esistenti. Una sfida non da poco: non è stato semplice allestire tutto senza intaccare il verde, ma ce l’abbiamo fatta e sono molto soddisfatta per un intervento che garantirà a tanti di praticare sport all’aperto, durante tutto l’anno. L’apertura ufficiale al pubblico ci sarà la prossima settimana, stiamo ancora valutando il giorno preciso. C’è stato qualche giorno di pioggia che ha lievemente rallentato gli ultimi dettagli, ma ormai anche la pavimentazione antitrauma è stata sistemata, quindi manca davvero poco».



Nella pineta, nel dettaglio, sono state posizionate una coppia di parallele, due panche per esercizi, una torre con sbarre per trazioni a varie altezze, una composizione multipla per esercizi di vario tipo dotata di sbarre, spalliere, manubri e anelli. Tutto è stato realizzato in alluminio verniciato e acciaio inox, per consentire una elevata durata nel tempo, con una spesa complessiva di circa 40 mila euro.

«Obiettivo delle strutture di Barcola - aggiunge Lodi - è anche quello di evitare che chi si dedica al fitness usi i giochi dei bimbi per fare esercizi. In questo modo tutti avranno una zona a loro dedicata. In più - annuncia - la mia intenzione è di continuare su questa strada, con la realizzazione di un’altra area fitness, ancora più grande, nel rione di Borgo San Sergio, dove lo spazio non manca e dove in tanti hanno espresso l’esigenza di una parte attrezzata, che potrebbe accontentare, anche in questo caso, tanti sportivi». –


 

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi