Azienda fingeva di sostituire gli estintori: truffati 5200 clienti in Fvg

A smascherare la Friul Estintori di Cervignano è stata la Guardia di Finanza di Gorizia. Tra le vittime sia operatori pubblici che privati

La truffa degli estintori in Fvg: il video della Guardia di Finanza

GORIZIA Una truffa ai danni di oltre 5.200 soggetti tra operatori pubblici e privati: l'hanno scoperta i finanzieri della Guardia di Finanza della Compagnia di Gorizia, al termine di una complessa indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Udine.

Un'azienda di forniture di impianti antincendio, la Friul Estintori di Cervignano, ha infatti frodato per anni la clientela, dislocata in tutto il Friuli Venezia Giulia, attestando falsamente di aver provveduto a cambiare l'agente estinguente durante le manutenzioni triennali degli estintori a polvere.

Uno degli estintori

Cinque persone - tre consiglieri di amministrazione, un consulente e un responsabile tecnico - sono stati denunciati per frode nelle pubbliche forniture, truffa aggravata e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. La società, che ha sede in provincia di Udine, con 60 dipendenti e un fatturato da 4 milioni di euro, è stata segnalata all'autorità giudiziaria per illecito amministrativo dipendente da reato, per aver beneficiato del delitto di truffa continuata e aggravata ai danni di enti pubblici commesso nel suo interesse e a suo vantaggio dagli indagati.

Tra i clienti privati truffati si segnalano imprese di ogni genere e, in particolare, concessionari autostradali, acciaierie, condomini, parrocchie, autofficine, aziende agricole e vitivinicole, bar, ristoranti, supermercati, centri commerciali, hotel, banche, agenzie di assicurazione, professionisti, imprese di trasporto, logistica e imballaggio, studi medici, case di riposo, asili nido, palestre, associazioni sportive, aziende di prodotti alimentari, abbigliamento, arredamento, chimica e materie plastiche, edilizia, meccanica, elettronica, elettrotecnica, informatica, telecomunicazioni, estetica, forniture per uffici.

Per quanto concerne invece la clientela pubblica si annoverano ospedali, aziende sanitarie, scuole materne, istituti scolastici, caserme, case circondariali, università, tribunali, comuni, prefetture, questure ed altri enti tra cui la Regione. Le attività investigative, scaturite dalla denuncia di un dipendente preoccupato per i possibili malfunzionamenti degli apparati antincendio in caso di utilizzo, sono state condotte mediante intercettazioni telefoniche e ambientali, perquisizioni locali e domiciliari, indagini contabili e bancarie, nonché ricorrendo all’acquisizione di numerose testimonianze rese dai dipendenti e dai manutentori dell’azienda.

Video del giorno

Pedofilia, arrestato 52enne di Gorizia: il video della polizia

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi