Rubata la corona del rosario della Madonna di Barbana

Il Segretario di Stato Parolin depone la corona del rosario sulla mano della Madonna a Barbana (giugno 2018)

La scoperta sabato mattina: donata da Papa Francesco lo scorso anno. Si pensa che i ladri abbiano agito venerdì all’ora di pranzo, quando in chiesa non c’è nessuno

GRADO Furto sacrilego a Barbana. È stata rubata la corona del rosario donata dal Papa in occasione dei 160 anni della consacrazione della Cappella dell’Apparizione. A portarla a Grado e a porla fra le mani della venerata statua della Madonna era stato, nel giugno dello scorso anno, il cardinale Piero Parolin, Segretario di Stato Vaticano. Non è il valore intrinseco della corona che conta pur se fatta, come spiega il superiore del santuario, Stefano Gallinaro, in filigrana d’oro e corallo rosso. È piuttosto l’inestimabile valore simbolico della stessa a destare sgomento. Tra l’altro i ladri hanno anche tentato di portar via le piccole rose che la Madonna tiene in mano, ma non ci sono riusciti. La scoperta del furto è stata fatta ieri mattina. Ad accorgersene è stato don Federico Basso che ha operato a Grado un po’ di anni fa e che ieri mattina si trovava a Barbana ad accompagnare i parrocchiani di Chiopris Viscone.

Il furto è avvenuto, come spiega Fra Stefano Gallinaro, quasi certamente nella giornata di venerdì (tra l’altro lui era assente da Barbana). Gli ignoti potrebbero aver operato all’ora di pranzo, mentre quasi tutti sono a mangiare o sul prato o al ristorante mentre i convittuali e i frati pranzano all’interno. Fino a qualche tempo fa per un’ora, durante la pausa pranzo, il santuario veniva chiuso proprio per maggiore sicurezza. C’erano state, però, vigorose proteste tant’è che era stato deciso di tenerlo aperto ininterrottamente.


In questo periodo nel santuario ci sono operai che stanno lavorando per riparare il tetto, che era stato danneggiato oltre una decina di anni fa. All’interno sono state sistemate impalcature che non impediscono la visita dei fedeli al santuario, grazie a un varco aperto proprio per arrivare davanti alla statua della Vergine. Statua che si trova a circa metà della navata sinistra anche per essere facilmente raggiungibile e trasportabile. Infatti per il giorno dell’Assunta, a Ferragosto, è prevista la processione esterna lungo gli argini dell’isola e l’8 settembre il pellegrinaggio diocesano. Data importate poiché pare che in quell’occasione l’arcivescovo di Gorizia darà indicazioni su chi subentrerà ai frati minori che sovrintendono oggi a santuario. Il timore di tante persone è che durante questi subentri - che si spera avvengano senza lasciare alcuno spazio temporale vuoto - non accadano fatti vandalici. Preoccupazione che ora, dopo il furto della corona del Papa, sarà sicuramente maggiore. Del furto Fra Stefano Gallinaro informerà intanto i carabinieri per effettuare la regolare denuncia.

Nel passato si ricorda solamente il furto di alcuni candelabri qualche decina di anni fa, peraltro di nessun valore (erano in ottone e proprio per questo i ladri potrebbero essere stati presi in inganno sul valore). Un mistero c’è, invece attorno a un vecchio trono della Madonna arricchito con 6 angioletti che non si sa che fine abbia fatto. Una delle ipotesi è che possa essere andato distrutto durante l’incendio del 1948 ma non può essere escluso che il trono possa essere finito in chissà quali mani. —


 

Video del giorno

La partenza della Ginevra: ecco l'atteso debutto della linea marittima Trieste-Grado

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi