Contenuto riservato agli abbonati

Sette appartamenti nell’ex casa di Marussig, ora abbandonata

Uno scorcio di Villa Maria, in vicolo Scaglioni (Lasorte)

Sembra spuntare una speranza di redenzione per la residenza di uno dei più prestigiosi artisti triestini. Il restauro di VIlla Maria, in vicolo Scaglioni, non è però ancora iniziato

TRIESTE Il maestro Piero Marussig, affacciandosi alla terrazza di villa Maria alla fine di vicolo Scaglioni, farebbe oggi fatica a ritrovare quel paesaggio che svariate volte aveva dipinto dopo aver comprato casa e parco attorno al 1906. A dir il vero, Marussig farebbe fatica a riconoscere anche quella che per alcuni anni fu la dimora sua e della consorte Rina Drenik, perchè l’edificio è ridotto a un rudere, come del resto i 3400 metri quadrati di verde che l’incuria ha trasformato in giungla urbana.

Villa Maria ha attraversato diverse traversie: nel 2010 il Comune era riuscita a venderla all’asta per 601 mila euroall’asta nel 2010 alla Socredil, dopo averla “blindata” a “verde privato vincolato” con una variante V6. Ma la Socredil, travolta come molte altre aziende dalla crisi del settore, aveva gettato la spugna nel gennaio 2013.


Adesso sembra spuntare una speranza di redenzione per la residenza di uno dei più prestigiosi artisti triestini. Dal mercato immobiliare infatti si apprende che l’agenzia “La tua casa”, operante in via Udine, mette in vendita sette appartamenti di differente metratura, che saranno realizzati attraverso la ristrutturazione di villa Maria. La forbice di prezzo indicata nelle schede danza, a seconda della superficie tra 220 mila euro e 546 mila euro, per una quotazione a spanne superiore ai 3 mila/mq. Si parla anche di box e di una piscina.

Ma si tratta di operazioni “sulla carta”, perchè Villa Maria continua a trovarsi nel consueto stato di degrado, ben osservabile camminando a fianco del lato orientale dello stabile. Non si sa quando il cantiere inizierà a lavorare e ancora non si legge l’abituale cartello che racconta committente, esecutore, autorizzazioni, ecc. Si intravvede un piccolo mezzo all’interno del recinto. Villa Maria ha due ingressi, entrambi visibili in vicolo Scaglioni: uno secondario sale nel parco, l’altro “ufficiale” reca alla diruta abitazione.

In vicolo Scaglioni si può giungere da via Rossetti, affrontando la chicane di via dei Girardi e di via delle Aiuole. Zona assolutamente residenziale, dove gli unici rumori arrivano dall’asilo condotto dalle Canossiane in via Rossetti. Numerose le ville costruite nei primi decenni del Novecento, quando quest’area poteva ritenersi ancora periferica. Poi anch’essa è stata interessata da una cospicua cementificazione anni ’60-’70, che ne ha cambiato i connotati. Se si osserva la riproduzione del paesaggio, che Marussig dipinse nel 1910, è rilevabile una quantità di verde che oggi è oggettivamente difficile ritrovare. —

Magr

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi