Dagli insulti omofobi agli atti di razzismo, a Trieste il primato dei crimini d’odio

Una veduta di piazza Unità

L’osservatorio del Viminale assegna al capoluogo del Fvg il titolo di capitale delle discriminazioni sfociate in denunce