Il 4 zampe è sovrappeso? Stop a spuntini e più corsa

Talvolta cani e gatti sono addirittura obesi per le cattive abitudini dei proprietari Incidono anche la mancanza di attività fisica e l’età. I consigli dei professionisti

TRIESTE Cani e gatti sovrappeso, talvolta proprio obesi. Gli animali domestici sono spesso vittime delle cattive abitudini dei loro stessi padroni: così, sempre più di frequente si verificano casi di quattro zampe “ciccioni”, con dei chili di troppo. Tra le cause principali di questo problema c’è un’alimentazione ipercalorica: troppo spesso, infatti, i proprietari offrono al proprio cane quantità di cibo e snack superiori a quelle consigliate. L’intento è spesso quello di coccolare il cane o semplicemente quello di dargli delle ricompense, senza valutare i danni che tanti bocconcini fuori pasto possono provocare alla sua “silhouette” e alla sua salute.

Il sovrappeso, però, può derivare anche da una modesta attività fisica, dalla razza dell’esemplare, dall’età avanzata: come per noi umani, infatti, con il passare degli anni anche per i nostri amici a quattro zampe il bisogno calorico diminuisce, in conseguenza anche di una ridotta attività fisica. Un animale sterilizzato, inoltre, presenta indubbiamente un metabolismo alterato rispetto a quello normale e ciò lo predispone ad un aumento di peso. In alcuni casi l’obesità potrebbe essere causata da squilibri endocrini.


È bene ricordare che gli animali in sovrappeso rischiano senza alcun dubbio di avere una longevità minore. Un cane o un gatto con un peso in eccesso sono più esposti a patologie cardiovascolari, all’osteoartrite, al diabete, a problemi respiratori o alle vie urinarie. Senza contare che un animale grasso fa più fatica a camminare, si stanca facilmente, e nel caso di un cane, sarà meno divertente portarlo a passeggio. Di fronte a un animale obeso, o semplicemente sovrappeso, fondamentale è modificare la sua dieta. Stop agli spuntini, basta somministrare avanzi della tavola e bisogna poi evitare dolci. Gli snack vanno allora sostituiti con carezze, giochi e soprattutto con una regolare attività fisica.

Nel caso di particolari patologie, è bene evitare diete fai da te, anche se in commercio si trovano diversi prodotti alimentari ad hoc, per animali in sovrappeso o specifici per cani e gatti sterilizzati o per quelli che vivono in casa con una ridotta attività fisica. Il medico veterinario, valutando nel complesso la bestiola, le sue abitudini, il suo quadro clinico e tenendo conto delle cause che possono aver causato quei chili di troppo, saprà dare le corrette indicazioni per una dieta su misura, facendosi affiancare, se è il caso, anche da un collega nutrizionista o da un tecnico nutrizionista.

«Nel mio caso – spiega Nicoletta Pizzutti, tecnico nutrizionista – io non mi occupo delle patologie, ma affianco il medico e, in base alle sue indicazioni, tenendo conto del quadro clinico dell’animale, vado a stilare la dieta corretta, che può essere casalinga o meno. Ovviamente, lavoriamo anche con animali senza problemi di peso e senza particolari patologie, proprio per prevenirle e per soddisfare le esigenze di ogni singolo animale». —


 

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi