Trieste, merce rubata e prezzi truccati: corriere nei guai per tre truffe

L’uomo è stato incriminato dalla Procura. Tre gli episodi acclarati. Incassava i soldi ma faceva risultare i pacchi ancora in magazzino

TRIESTE Apriva i pacchi. Gonfiava i prezzi truccando i documenti di spedizione. Intascava i soldi dei clienti. Ma alla fine, dopo almeno tre imbrogli, i Carabinieri lo hanno scoperto. Si chiama Ilie Marisescu, ha 42 anni ed è originario della Romania. All’epoca dei fatti accertati dagli inquirenti era un collaboratore del Consorzio Std Group srl, ditta che si occupa delle consegne per conto della Sda Express Courier. L’uomo è stato incriminato dalla Procura di Trieste. La titolare del fascicolo è il pm Cristina Bacer.

Tre dunque gli episodi acclarati. Il primo risale all’anno scorso. È il 17 febbraio quando il rumeno si introduce nell’ufficio preposto allo smistamento dei colli. Senza essere visto, riesce ad appropriarsi di una scatola che contiene abbigliamento, nell’Ufficio postale di Santa Croce. È lì che il destinatario avrebbe dovuto ritirare la merce previo pagamento di 720 euro. Cosa fa lo spedizioniere? Manomette il pacco soffiando il documento di trasporto e tutti gli indumenti. Ma con l’eccezione di un pigiama, in modo da non rendere subito evidente il furto. Poi confeziona un altro pacco di grandezza simile al precedente, ci infila i vestiti, e lo consegna al destinatario. Dal quale si fa pagare i 720 euro. Denaro che tiene per sé. Un’astuzia che ha permesso di far figurare la merce originaria ancora giacente in magazzino come se la spedizione non fosse stata portata a termine. Una truffa.


Curioso pure lo stratagemma adottato nel secondo episodio, accaduto il mese successivo. Stavolta il trucchetto consisteva nel non tracciare la spedizione nei sistemi informatici in uso all’azienda. Così, l’uomo ha potuto alterare la bolla di trasporto e l’importo che il destinatario avrebbe dovuto versare al corriere: da 272,50 euro a 372,52. La terza truffa, però, finisce male. È il 2 maggio 2018. Stavolta i responsabili della Sda si accorgono della sparizione di un pacco. E chiamano i Carabinieri. Marisescu viene fermato dai militari con i soldi appena incassati dal cliente. Lo straniero, difeso dall’avvocato Angela Pacor, comparirà domani in Tribunale davanti al gup Laura Barresi per l’udienza preliminare. —


 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi