Contenuto riservato agli abbonati

Case, mercato ok nel Quarnero: Lussino l’isola più richiesta

Per un appartamento sul mare si possono sborsare 4.500 euro al mq. Scendono a tremila nelle zone più prestigiose di Veglia. Arbe, pesa il nodo dei collegamenti

FIUME Gli anni della grande crisi economica sono ormai uno sgradito ricordo, e il mercato immobiliare nelle isole quarnerine sta marciando a ritmo spedito. A confermarlo sono i proprietari delle più grandi agenzie immobiliari attive nella regione insulare, tutti concordi nel rilevare che lotti di terreno, alloggi, case e altri immobili sono sempre più richiesti da acquirenti stranieri, molti dei quali residenti in Slovenia, Germania e Austria, laddove gli italiani invece restano pochi. E fra le varie isole quella di Lussino risulta comunque la più richiesta, nonché quella dove i prezzi sono fra i più alti.



Andando a vedere la situazione nel dettaglio, l’isola di Veglia presenta nell’area interna lotti al costo di 50–60 euro al metro quadrato, cifra che sale fino a 200 euro nelle località più popolose per toccare i 300 nelle aree più attraenti. Quanto agli appartamenti, i prezzi sono ovviamente in stretta connessione con la zona: si parte da minimo di 700 per arrivare a un massimo di tremila euro a metro quadro. Quanto alle singole località dell’isola, in questi anni il numero più rilevante di compravendite è stato registrato a Malinska–Dubašnica, mentre di recente la richiesta si è spostata su Veglia città nonché su Dobrinj e Ponte.



L'arcipelago di Lussino e Cherso è da sempre una delle mète più richieste dei potenziali investitori. Fatto salvo che le costruzioni nella suggestiva baia di Cigale, a Lussino, sono state praticamente tutte vendute, nell'ordine di milioni di euro ciascuna, ci sono ancora vari immobili a disposizione, a partire da Dragosetici (Cherso) dove per una casa fatiscente, non allacciata alle necessarie infrastrutture, vengono richiesti poco meno di 30 mila euro, cifra che viene triplicata in caso quelle vecchie abitazioni siano collegate a elettricità, acqua, fognatura e strade: è il caso di Belei e San Giovanni, nell'isola di Cherso. Nell'isola di Lussino i prezzi sono di molto superiori, specie per coloro che intendano investire sul mattone nel capoluogo e poi a Lussingrande, oppure nell'incantenvole insenatura di Valdarca, a metà strada tra Lussinpiccolo e Lussingrande. Delle 20 richieste attualmente concernenti l'arcipelago, fanno sapere dalle agenzie immobiliari, solo una riguarda Cherso e le altre 19 Lussino, che si conferma dunque la più richiesta. Qui per un appartamento si possono sborsare 1100 euro al metro quadro che salgono fino a 4500 per alloggi a ridosso del mare. Una casa diroccata può costare almeno 45 mila euro, mentre ovviamente si supera facilmente il milione per abitazioni di lusso.



Nelle piccole isole del Quarnero il costo degli immobili è più basso in media rispetto a quello delle isole maggiori. Ad Arbe i prezzi sono leggermente inferiori rispetto a quelli praticati a Veglia e nelle vicine Lussino, Cherso e Pago: il motivo è riconducibile alla più bassa qualità dei collegamenti marittimi, laddove invece Veglia e Pago sono connesse alla terraferma dai ponti. Ad Arbe un alloggio di seconda mano costa dai 1000 ai 1800 euro al metro quadro, mentre per quelli nuovi si va anche ai duemila euro. I lotti di terreno edificabile costano mediamente sui 150–200 euro al metro quadro, cifra che sale per le zone esclusive.—


 

Video del giorno

Isole Faroe, 1500 delfini uccisi sulla riva: un massacro senza precedenti

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi