Contenuto riservato agli abbonati

La rinascita sportiva di Rita. E al traguardo c’è la madre

Rita, scampata al crollo del ponte Morandi, torna a correre dopo l’ospedale. All’arrivo per lei una sorpresa speciale, giunta di nascosto dalla natia Lanciano

TRIESTE Il ritorno alle gare, il ritorno alla vita. La lotta contro il vento, i timori, il sudore del ritrovato passo di corsa e le lacrime di commozione bagnano la mattinata speciale di Rita Giancristofaro, l’atleta probabilmente più attesa sulla ribalta della 24 Trieste Half Marathon, la parte clou della terza edizione della Trieste Running Festival. Una delle sopravvissute al crollo del Ponte Morandi di Genova vince pur senza trovare il podio: corre senza badare a cronometri e primati, gareggiando in una mattinata dai colori autunnali ma ravvivata dalle tinte della rivalsa.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Maltempo in Grecia, un pullman viene "inghiottito" da una voragine

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi