Contenuto riservato agli abbonati

Morìa delle api: da Sofia a Belgrado si moltiplicano allarmi e appelli

Gli operatori additano pesticidi e cambiamenti climatici. Nella sola Serbia il settore teme 170 milioni di danni

BELGRADO La primavera arriva, fa sbocciare fiori e colora di verde gli alberi. Le api, come sempre, raccolgono il polline. Ma poi muoiono. E lo fanno in numeri preoccupanti, da un capo all’altro di una regione dove tanti indizi puntano l’indice verso un colpevole: un uso eccessivo di insetticidi e pesticidi in agricoltura.

La regione è quella dei Balcani, dove nelle ultime settimane si sono levati forti allarmi.

Video del giorno

Crollo Marmolada, il punto del distacco ripreso dall'elicottero

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi