In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Redditi dei parlamentari del Fvg: Pettarin e Stabile in vetta

L’avvocato goriziano guida la classifica dei deputati regionali con 131 mila euro. L’azzurra al top tra i senatori. Il leghista Panizzut fanalino di coda con 3.186 euro

2 minuti di lettura

TRIESTE Guido Germano Pettarin, avvocato con lunga esperienza amministrativa in Comune di Gorizia, batte tutti nella classifica dei redditi dei parlamentari eletti in Friuli Venezia Giulia. Il forzista, nella dichiarazione 2018 sulle entrate 2017, registra un imponibile di 131.595 euro, e tiene dietro, tra i deputati, Debora Serracchiani (119.941) del Partito democratico e Walter Rizzetto (105.151) dei Fratelli d’Italia. Pure nella classifica dei senatori comanda un esponente azzurro: la triestina Laura Stabile, al lavoro nel servizio sanitario prima della candidatura romanda, con 97.684 euro.



Tutti molti distanti dal recordman Adriano Galliani, ampiamente il più ricco della XVIII legislatura. L’ex braccio destro di Silvio Berlusconi negli anni d’oro del Milan, ora senatore, dichiara al fisco 10 milioni 698mila 939 euro, oltre 4 milioni in più di Antonio Angelucci, a sua volta deputato di Fi, l’imprenditore che nel precedente quinquennio si è segnalato per un incredibile 99,6% di assenze in occasione delle votazioni in aula.



Il ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno, con un imponibile di 2.833.488, guida invece la pattuglia del governo giallo-verde. Secondo è il premier Giuseppe Conte (370.314 euro); fra i beni del presidente del Consiglio una Jaguar Xj6 del 1996.

Tornando alla classifica del Fvg, è facile notare la differenza tra i redditi di chi già in precedenza aveva un incarico istituzionale e chi invece ha trovato il bengodi in Parlamento dopo avere faticato nel mondo del lavoro. Dopo Pettarin, Serracchiani e Rizzetto, i deputati della regione con redditi più alti sono gli uscenti e riconfermati Sandra Savino (Fi, 98.071), Ettore Rosato (Pd, 92.870) e gli ex consiglieri regionali Renzo Tondo (Noi con l’Italia, 89.845) e Roberto Novelli (Fi, 89.285). Il neoeletto leghista Daniele Moschioni è a quota 72.728 euro, quindi gli ultimi cinque: i grillini Luca Sut (22.629) e Sabrina De Carlo (20.038) e i leghisti Vannia Gava (18.752), sottosegretario per l’Ambiente, Aurelia Bubisutti (6.289), subentrata a Massimiliano Fedriga dopo l'elezione a presidente della Regione, e Massimiliano Panizzut (3.186), in assoluto il reddito più basso dei venti eletti della regione.

Al Senato, dopo Stabile, c’è un’altra leghista, la gradese Raffaella Marin (91.992), poi Luca Ciriani di Fdi (70.603), il leghista Mario Pittoni (61.994), presidente della commissione Istruzione del Senato, il capogruppo grillino Stefano Patuanelli, che l’anno prima dell’esperienza a Palazzo Madama dichiarava 46.339 euro, il forzista Franco Dal Mas (31.575) e Tatiana Rojc, esponente della minoranza slovena nelle liste del Pd, con 7.743 euro.

Tra le curiosità patrimoniali, proprietà di immobili e terreni a parte, ci sono per Patuanelli il possesso di una Peugeot Bipper del 2012 e di un motorino Beverly della Piaggio del 2004, oltre a 100 azioni di Banca di Cividale e a 20 di Hera.

Non mancano le Fiat: le tre Panda di Rosato, Savino e Rojc, la Qubo di Moschioni e i Freemont di Pettarin e Panizzut. Jeep Renegade invece per Tondo, Hyundai ix20 per Sut, due Mercedes Cl per Stabile, due Audi, Q3 e A1, per Serracchiani, una Audi A6 per Pittoni e una A4 per Dal Mas, una Q3 per Novelli, una Ford B Max per Gava. Moto da amatore, infine, per Rizzetto: una Bianchi Bianchina del 1950. —


 

I commenti dei lettori