Maxioperazione anti-camorra: 50 arresti e sequestri a Nordest

Blitz della Guardia di finanza di Trieste e della Dda di Venezia fra il Triveneto e la Campania

Camorra in Veneto: le perquisizioni e la scoperta di armi

VENEZIA. I tentacoli della Camorra si erano allungati in Veneto da ben 20 anni, subentrando alla Mala del Brenta, ormai in disfacimento. Con 50 arresti, di cui 47 custodie in carcere e tre domiciliari, e undici provvedimenti interdittivi che hanno portato al sequestro di beni per 10 milioni di euro, è stata disarticolata la più grande organizzazione criminale mai registrata nella regione. Tutto documentato in un'ordinanza di 1.100 pagine firmata dal Gip di Venezia Marta Paccagnella. Nella notte, dopo un'indagine congiunta del Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Trieste e della Squadra Mobile di Venezia, guidata dal pm veneziano Roberto Terzo, è stata chiusa l'operazione «At Last» coordinata dalla Dda di Venezia con la supervisione del Procuratore Bruno Cherchi. In carcere sono finiti uomini delle cosche campane che in Veneto erano giunti soprattutto da Casal di Principe (Caserta), ma anche soggetti arruolati in loco, che avevano sostituito dagli anni 90 il clan messo in piedi dal boss Felice Maniero. Un'attività cominciata con il tradizionale “pizzo” lungo l'asse della costiera Adriatica, da San Donà di Piave a Jesolo passando per Eraclea e fino a Caorle.

Camorra in Veneto, Cafiero de Raho: "Infiltrazioni fin dal 1996"



I Casalesi sono riusciti ad entrare nel tessuto connettivo dell'area: prima prestando denaro a tassi usurai, poi acquisendo i beni di chi non pagava e che diventava a sua volta «socio in affari». Infine allargando l'attività al traffico di armi, alle rapine e a una fitta rete di prostituzione e spaccio di droga. Un controllo così pervasivo che era arrivato a coinvolgere persino un sindaco, quello di Eraclea, Mirco Mestre, di professione avvocato, arrestato con l'accusa di voto di scambio: è il primo cittadino veneto a finire in manette perchè in odor di mafia.

Camorra in Veneto, 50 arresti: il procuratore antimafia di Venezia Cherchi



Secondo gli inquirenti, la «Camorra in Veneto» era comandata da Luciano Donadi e Raffaele Buonanno, giunti dalla Campania negli anni '90, e faceva capo ai clan Bianco e Bidognetti, il cui boss Francesco è noto con il soprannome «ciccio e mezzanotte». In carcere anche un direttore di banca che, invece di farsi tutelare dai carabinieri, ha scelto di finire nella rete della Camorra per recuperare al tesi di laurea che era stata rubata alla sua fidanzata; così come un poliziotto del commissariato di Jesolo, che passava informazioni al clan.

Infiltrazioni Camorra in Veneto: perquisizioni al municipio di Eraclea



«Questa operazione per la prima volta ha accertato la presenza della criminalità organizzata strutturata nel territorio veneto, profondamente penetrata nel settore economico e bancario» ha detto il procuratore Bruno Cherchi. A complimentarsi per l'operazione investigativa sull'asse campano-veneto è stato il ministro dell'Interno Matteo Salvini: «Vogliamo inseguire i boss e i loro sporchi affari ovunque siano» ha detto, sottolineando che «notizie di questo tipo fanno cominciare bene la giornata». «Credo di interpretare il sentimento dei veneti - ha aggiunto il Governatore Luca Zaia - nel rivolgere un ringraziamento riconoscente a tutti gli uomini e le donne delle forze dell'ordine». In laguna, per illustrare i risultati del blitz, è giunto anche il Procuratore nazionale antimafia Ferdinando Cafiero de Raho. «La Camorra in Veneto - ha detto - agiva esattamente come in Campania».


 

Video del giorno

Trieste, tra mosaici e boiserie: ecco il nuovo bar illy Ponterosso a Palazzo Berlam

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi