L’ira di Slovenia e Croazia sulla cerimonia in foiba

Nel mirino le parole di Salvini e il «Viva l’Istria e la Dalmazia italiane» di Tajani. I leader di Lubiana e Zagabria: «Revisionismo storico inaccettabile»