Gare irregolari al Cara di Gradisca. Due prefetti tra i 42 indagati

I nomi di Zappalorto e Marrosu nel filone ter dell’inchiesta per turbativa d’asta e frode. Altri due funzionari nei guai

TRIESTE L’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato ai primi di gennaio a 42 indagati, tra cui 39 persone fisiche e tre persone giuridiche, ossia società. È il terzo filone investigativo relativo alla gestione del Cie-Cara di Gradisca d’Isonzo, già peraltro al centro del processo tuttora in corso al Tribunale di Gorizia, a fronte della riunificazione di due procedimenti. In questa fase ancora iniziale, pertanto tutta da definire ai fini dello sviluppo del procedimento, rientrano a titolo di indagati due prefetti e due viceprefetti operanti nell’Isontino nel periodo tra il 2011 e il 2015. Si tratta degli ex prefetti di Gorizia Maria Augusta Marrosu, che aveva ricoperto l’incarico dal 2008 al 2013, e Vittorio Zappalorto, subentrato fino alla successiva assegnazione a Venezia, nonchè gli ex viceprefetti Gloria Allegretto e Antonio Spoldi.

Siamo dunque all’ulteriore approfondimento della vicenda che attualmente vede invece una trentina di imputati, inerenti a fatti collocati tra il 2009 e il 2013, nell’alveo dell’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Tarcento. La nuova attività inquirente, affidata alle Fiamme gialle di Udine, riguarda quindi un arco temporale che si spinge fino al 2015.


Chiamato in causa ci sarebbe anche il Consorzio Connecting People, già imputato nell’ambito del processo riunificato, affiancato dalla cooperativa sociale Luoghi Comuni di Trapani e dalla coop Interpreti e Traduttori di Roma. Indagati, inoltre, sarebbero Romano Fusco, di Torino, Claudio Battistella, di Ronchi, e Francesca Filla, di Gorizia, all’epoca componenti della Commissione giudicatrice nell’ambito dell’appalto dei servizi del Cie-Cara che aveva sancito l’assegnazione alla Connecting People.

Rientrerebbero, ancora, sempre stando a questa fase iniziale, i presidenti, rappresentanti legali, del Consorzio appaltatore del Centro, Giuseppe Scozzari, di Castelvetrano, e Orazio Ettore Micalizzi, di Acireale, oltre ai legali rappresentanti di Interpreti e Traduttori, Marianna De Maio, e Luoghi Comuni, Alessia Barbagallo. Nel procedimento sarebbero coinvolti peraltro dipendenti e direttori della Connecting People, oltre a commissari giudiziali che hanno curato il concordato preventivo del Consorzio.

Ipotesi di accusa a vario titolo. Tra le principali contestazioni, si fa riferimento a turbativa d’asta in ordine allo svolgimento della gara di appalto che s’era conclusa con l’aggiudicazione della gestione del Centro di Gradisca al Consorzio Connecting People. Sul tappeto, a quanto sarebbe dato sapere, presunte irregolarità circa le modalità di esecuzione della gara. Si parla, ancora, dell’ipotesi di associazione a delinquere in riferimento ai presidenti, amministratori e dipendenti della Connecting People, con i prefetti Marrosu e Zappalorto, nonché il viceprefetto Allegretto, in presunto concorso esterno.

Altro reato ipotizzato frode in pubbliche forniture, in riferimento all’erogazione di sigarette, pocket money e schede telefoniche agli ospiti del Centro. Quindi alcune truffe ai danni dello Stato che sarebbero riconducibili alle fatturazioni emesse dal Consorzio (dal 2011 al 2013). E ancora, ipotesi di truffa ai danni dello Stato inerente la chiusura del rapporto con la Connecting People, mediante la rescissione del relativo contratto d’appalto. Le presunte incongruenze sarebbero legate alla liquidazione alla società gestore del Cie-Cara per la quale non si sarebbe tenuto conto di alcune contestazioni nel frattempo già segnalate all’autorità giudiziaria. Si parla di una somma sull’ordine dei 4 milioni, di cui 2 milioni all’epoca oggetto di attenzione da parte della magistratura. Siamo dunque nella fase di chiusura delle indagini, in attesa degli sviluppi tenendo conto quindi anche della possibile archiviazione. —


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi