Triestino si ferisce a Capodanno nella montagna pordenonese, cadendo da tre metri 

Un'immagine di repertorio del Soccorso alpino e speleologico

E' successo a Casera Podestine. Sul posto il Soccorso Alpino e speleologico e il 118. L'uomo ha battuto la testa ma non ha mai perso conoscenza

PORDENONE Si è procurato una profonda ferita al capo mentre festeggiava l'arrivo dell'anno nuovo con alcuni amici a Casera Podestine, in comune di Claut (PN), nel Parco delle Dolomiti Friulane.

Un triestino del 1977, L. L. le sue iniziali, è stato prontamente raggiunto dai tecnici della stazione Valcellina del Soccorso Alpino e speleologico su chiamata del Nue.

La chiamata è arrivata intorno alle 20 grazie alla segnalazione di uno dei compagni del ferito che ha dovuto scendere per un tratto a piedi lungo la Valle di Gére per trovare campo ed effettuare la chiamata con il cellulare.

Tale valle è percorribile solamente a piedi oppure con un mezzo fuoristrada, essendo di per sé il letto di un torrente e dunque non agibile con l'ambulanza. Infatti per risalire i circa quattro chilometri è stato necessario trasportare anche il personale medico dell'ambulanza, fermatasi nella frazione di Lesis di Claut, con un secondo mezzo fuoristrada di uno dei soccorritori, mentre nel frattempo un primo mezzo fuoristrada aveva già raggiunto la casera per i primi soccorsi.

Pare che l'uomo sia caduto da circa tre metri di altezza battendo la testa, ma non ha mai perso conoscenza. I tecnici del Soccorso Alpino lo hanno consegnato all'ambulanza e l'intervento si è concluso intorno alle 22.

I tutto vi hanno preso parte, sul posto e in stazione, nove uomini del Soccorso Alpino e speleologico. Nei pressi della stazione Valcellina del Soccorso Alpino e Speleologico era presente anche una squadra dei Vigili del Fuoco.

Video del giorno

Bari, rimorchiatore affonda al largo della costa pugliese: le operazioni di soccorso

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi