Miklavič arriva da Ziberna in bicicletta con l’obiettivo di «lavorare assieme»

Piena identità di veduta con Ziberna con cui instaura subito un rapporto amichevole: «Serve una visione unitaria delle città»



«It takes two to tango». «Bisogna essere in due per ballare il tango. E oggi abbiamo ballato assieme le prime note».


Le parole del neosindaco di Nova Gorica Klemen Miklavič riassumono bene l’irrinunciabilità della collaborazione transfrontaliera con la nostra città. Non a caso, il primo impegno ufficiale del “župan” è coinciso con la sua visita a Gorizia per incontrare Rodolfo Ziberna, il sindaco. Niente auto blu, niente codazzo di collaboratori, funzionari, quant’altro. Ha scelto di venire in bicicletta, semplicemente, spontaneamente. «Dobbiamo lavorare per avere una visione ancora più unitaria di quest’area. So che la collaborazione sin qui portata avanti è positiva e costruttiva - le parole del sindaco di Nova Gorica -. E devo dire che nel primo incontro con Ziberna la sensazione che ho ricavato è stata molto buona». Tant’è, ha rivelato Ziberna, che è scattato subito il “tu” nel dialogo «perché ritengo che se si instaura un rapporto di simpatia, le cose vanno meglio. Le istituzioni restano, gli amministratori passano ma è fondamentale lavorare in sintonia. Oggi - ha fatto eco Ziberna - ci siamo trovati in sintonia. Dovremo trovare qualcosa di cui non siamo d’accordo».

Vestito blu, cravatta, molto elegante, Klemen Miklavič si è trovato subito a suo agio. «Dobbiamo proseguire nei progetti del Gect che Bruxelles ritiene “un’esperienza positiva e da appoggiare”, lavoreremo per il riconoscimento della Zese, la Zona economica speciale europea, che potrebbe cambiare la vita di coloro che risiedono in quest’area». Il neosindaco di Nova Gorica si è dimostrato molto interessato ai progetti che interesseranno dai prossimi mesi il Corno, con la realizzazione di un polmone verde che si estenderà dalla Slovenia, toccando il parco di palazzo Coronini, la Valletta del Corno, Villa Louise. Non solo, si è detto molto interessato a svillupare e riempire di contenuti la zona che si estende da Salcano alla Casa Rossa. «Potrebbe diventare luogo di attività pubbliche, concerti, approfondimenti, cultura, coinvolgendo le due città».

L’incontenibile Ziberna (ad un certo punto si è dimenticato che c’era la traduttrice e ha parlato

Video del giorno

Tumori. Le nuove frontiere della biopsia liquida: a caccia di esosomi per identificare metastasi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi