Sbarca il 28 a Milano la mostra del Petrarca di Trieste sulle leggi razziali

L’immagine sul manifesto della mostra “Razzismo in cattedra”

Saranno presenti anche gli studenti autori del lavoro finito al centro del caso del manifesto stoppato nei mesi scorsi

TRIESTE

La mostra “Razzismo in cattedra” si trasferisce a Milano. L’inaugurazione è stata fissata per il prossimo 28 novembre, alle 18.30, al Memoriale della Shoah. Gli alunni della V I del liceo Petrarca stanno preparando le valige per arrivare nel capoluogo lombardo già il 27, qualche ora prima dell’apertura della mostra, per completare e rifinire l’allestimento. A ospitarli, per l’occasione, saranno le famiglie degli studenti del liceo artistico delle Orsoline di Milano, che hanno dato piena disponibilità ad accogliere a braccia aperte quei ragazzi al centro di un caso che, partito da Trieste, ha fatto il giro del Paese.


La mostra realizzata dagli studenti del Petrarca nell’ambito del progetto alternanza scuola–lavoro, e che a 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali ripercorre la storia dei professori e degli studenti ebrei cacciati dal liceo Petrarca nel 1938, era finita al centro di un dibattito pubblico quando il Comune di Trieste aveva messo un veto sul manifesto creato per promuovere l’esposizione ideata in collaborazione con il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università, il Museo della Comunità ebraica di Trieste e l’Archivio di Stato. Uno stop che aveva costretto la scuola ad annullare inizialmente l’apertura della mostra. Un successivo passo indietro dell’amministrazione comunale e una riconciliazione tra il liceo e il Comune avevano poi consentito di allestirla al museo Sartorio.

La mostra a Trieste ha registrato oltre 6.500 visitatori. Proprio gli ostacoli che la mostra si era trovata a superare a Trieste avevano spinto il Comune di Milano, nella persona dell’assessore Lorenzo Lipparini, a farsi avanti, ad aprire con entusiasmo le porte a “Razzismo in cattedra”. «Per noi è un piacere e un onore ospitare la mostra e gli studenti, che saranno ovviamente presenti il giorno dell’inaugurazione: è grazie a iniziative come questa che la memoria resta viva e, utilizzando le parole di Liliana Segre, “rende liberi”», si legge sulla pagina Facebook del Memoriale della Shoah nel post che annuncia l’inaugurazione. Al “Binario 21”, luogo simbolo della Shoah in Italia, il 28 novembre prossimo, a margine del taglio del nastro verrà anche riprodotto il documentario realizzato dagli stessi studenti “1938-Vita Amara” che raccoglie intense testimonianze di chi le leggi razziali le ha subite sulla propria pelle, e il video emozionale girato nelle giornate di allestimento della mostra al Sartorio.

«Il progetto con il video della mostra e il documentario – racconta Sabrina Benussi, l’insegnante del Petrarca che ha coordinato il lavoro dei ragazzi – è già stato presentato a Torino al Polo del ’900, a Roma all’Istituto superiore Leonardo da Vinci Maccarese Fiumicino e a un convegno organizzato dalla Facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza. Ma Milano è speciale, i ragazzi sono entusiasti e orgogliosi di poter condividere il loro lavoro anche fuori Trieste». —


 

Video del giorno

Maltempo in Sicilia, in arrivo il "Medicane": attesi nubifragi e venti fino a 100 km/h

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi