Raid dei ladri di auto di lusso. Sparite due Bmw a Barcola

Prosegue l’ondata di furti dopo i colpi in via Commerciale e il blitz a Opicina. La polizia: «Episodi in aumento ma è presto per parlare di un’unica banda»

TRIESTE Due Bmw sono state rubate nella notte fra lunedì e martedì a Trieste. Si tratta dell’ennesimo caso di furto d’auto nelle ultime settimane nel territorio in città e provincia. Anche la questura conferma una tendenza in crescita per i furti di autovetture.

Le due automobili di pregio sono state sottratte dai luoghi in cui erano parcheggiate nella zona di Barcola durante la notte. Ai proprietari non è rimasto altro da fare che rivolgersi alle forze dell’ordine nella speranza di recuperare il maltolto.

La questura di Trieste conferma che negli ultimi tempi si è registrato quel che viene definito «un lieve aumento nei furti di autovetture o di parti di automobili che poi si possono rivendere».



I mezzi più colpiti, com’è prevedibile, sono quelli di maggior valore come appunto Bmw, Audi e simili. Sono proprio queste automobili, infatti, quelle più facilmente e più velocemente piazzabili tanto sul mercato italiano quanto su quello estero.

«Tradizionalmente i furti di autovetture si concentrano sui mezzi di grossa cilindrata: si vendono meglio qui e nei Paesi vicini», sottolinea la questura.

La polizia sta svolgendo degli accertamenti sul fenomeno, anche se per il momento «è prematuro fare valutazioni sulla possibilità che si tratti dello stesso gruppo di ladri o di bande differenti». Tanto più che i colpi non si verificano «in una zona specifica ma in luoghi differenti della città».

Recentemente era toccato a un’altra Bmw, questa volta nella zona di via Commerciale: il mezzo era stato trovato al mattino dal proprietario privo di ruote e volante. Era stato svuotato anche il bagagliaio, in cui l’uomo custodiva la sua preziosa attrezzatura da pesca. La refurtiva ammonta in tutto a 10 mila euro di valore.



All’inizio di ottobre ben quattro casi di furti d’auto, secondo i residenti, si sono verificati nel borgo di Opicina. L’ultimo, avvenuto nella notte fra il 9 e il 10 del mese, ha visto i ladri in azione su un’Audi bianca, che sono riusciti a sottrarre disattivando antifurto e attrezzatura Gps. Un’operazione che, come nel caso delle componenti della Bmw, richiede una capacità tecnica e un’attrezzatura di tutto rispetto.

Viene naturale chiedersi se non ci sia una banda organizzata in azione. Secondo le forze dell’ordine è troppo presto per pensare a un quadro simile, per cui anche l’ipotesi di avvenimenti slegati tra loro resta al vaglio. In ogni caso, conferma la questura, «stiamo conducendo degli accertamenti in proposito». —


 

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi