Trieste, interventi nella notte della polizia per eccessi alcolici

Non sono state solo due le colluttazioni: i poliziotti sono intervenuti anche in altre due situazioni 

TRIESTE Nottata di intensa attività quella di ieri per il personale della Questura, impegnato nel controllo del territorio vista la tanta animazione e la folta presenza di persone, più o meno giovani, in città in occasione del fine settimana, ma soprattutto per l’evento della Barcolana.

Oltre alle due risse scoppiate tra giovani stranieri dei ragazzi hanno danneggiato due motoveicoli parcheggiati regolarmente negli stalli di piazza Tommaseo che il personale delle Volanti ha denunciato. Si tratta dei monfalconesi N.Z. e A.B.S., del 1998 e del 2000, e del triestino L.L., nato nel 1999. I tre hanno gettato a terra i veicoli e si sono allontanati danneggiandoli, ma la loro azione è stata notata da una persona che, tramite il 112, ha contattato la sala operativa della Questura che ha inviato un equipaggio. I tre sono stati fermati e identificati dagli operatori mentre si trovavano in coda per entrare in una discoteca della zona. Ricostruito l’episodio, i giovani sono stati denunciati e dovranno anche risarcire i danni arrecati con la loro condotta.

L’alterazione alcolica e probabili rancori passati sono alla base, invece, di tre liti sorte in tarda serata e nella notte. Dissapori alla base dell'alterco sorto alla radice del molo Audace fra una giovane coppia e due coetanei.

Al di là del contingente evento della Barcolana, che ha fatto affluire in città anche tanti turisti, continueranno in questo fine settimana i controlli del territorio da parte degli equipaggi della Questura, finalizzati al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica non soltanto in quelle zone della città in cui si verifica la presenza di più persone. E che la Barcolana sia una festa per tutti !

Video del giorno

Trieste, la polizia sgombera 300 manifestanti no Green Pass

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi