La Tomos in crisi corre via da Capodistria

Negli anni ruggenti del boom economico jugoslavo contava quasi 4mila dipendenti: oggi pensa di trasferirsi a Celje