In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Nodo Palmanova, il varo del ponte

L'enorme struttura viene posizionata sulla direttrice autostradale Trieste-Venezia della A4, che rimarrà comunque aperta. Il cantiere rientra nei lavori per la terza corsia

1 minuto di lettura
Il cantiere (foto Autovie Venete) 

Nodo Palmanova, il varo del ponte

TRIESTE Si protrarranno ancora per tre giorni le operazioni per la costruzione del grande ponte che andrà a sostituire quello attuale – sul nodo di Palmanova – sotto al quale passa la direttrice Udine-Trieste. Il tutto senza bloccare l'autostrada, che rimarrà aperta al traffico, e ponendo massima attenzione alla sicurezza. Oltre agli ultimi controlli, nella notte sono arrivate due grandi gru, una da 200 e la seconda da 400 tonnellate. Il cantiere è proprio nel cuore del nodo di Palmanova – interconnessione fra A4 e A23 –, dove si incrociano sei diverse direttrici di traffico: dalla A4 verso Udine e verso Trieste; dalla A4 verso Venezia e verso Udine; dalla A23 verso Venezia e verso Trieste.

[[(MediaPublishingQueue2014v1) La costruzione del ponte per il nodo Palmanova]]

All’alba di oggi, martedì 4 settembre, tutti gli operai, i tecnici e gli ingegneri di Autovie Venete e delle ditte costruttrici erano già al lavoro e le operazioni vere e proprie sono iniziate alle 7.30 con l’avvio della spinta dell’enorme manufatto (120 metri e 530 tonnellate di peso realizzato dall’impresa Cimolai di Pordenone) che dovrà scavalcare la direttrice Udine-Trieste appoggiandosi prima su una pila centrale in calcestruzzo appositamente realizzata e poi, proseguendo le operazioni di spinta, sulla “spalla” che lo sosterrà.

Il nuovo ponte è l’opera più impegnativa del primo sub lotto (Gonars-Palmanova) del quarto lotto (Gonars-Villesse) dei lavori della terza corsia sulla A4. Il varo durerà complessivamente quattro giorni e il momento clou è previsto per domani (mercoledì 5 settembre) pomeriggio. I lavori sono realizzati dalla Cmb (Società cooperativa muratori e braccianti di Carpi) capofila dell’ Ati che comprende C.E.L.S.A. – Soc. Coop di Latisana (UD) e C.G.S. SpA di Udine. Il primo sub lotto riguarda un tratto autostradale di circa 5 chilometri, l’investimento per i lavori è di 38 milioni di euro e due sono i comuni coinvolti: Gonars e Bagnaria Arsa.

I commenti dei lettori