Gang delle ville, 10 furti in pochi giorni sul Carso

Cresce la paura dei proprietari che si attrezzano con sistemi d’allarme e tam-tam sul web per segnalare presenze sospette

TRIESTE Quello della villetta di Basovizza, “visitata” dai ladri domenica mentre i proprietari stavano cenando con amici in giardino e i bambini si trovavano in salotto, non è stato un caso isolato. Anzi. Emergono sempre più segnalazioni di recenti casi di furto sul Carso, da Padriciano a Sistiana, passando per Opicina, Prosecco e Aurisina: almeno una decina sono le denunce pervenute ai carabinieri in questi ultimi giorni.


C’è forte preoccupazione sull’altipiano, dove l'effettiva escalation di furti sta scatenando una vera e propria psicosi, tanto da spingere i proprietari delle case che non ce li hanno ancora a munirsi di sistemi di allarme e ad attivare su Whatsapp delle chat per avvisare presenze sospette. Su questo battono anche i carabinieri, che invitano i residenti a comunicare eventuali persone che si aggirano in modo ambiguo tra le case. Ha seguito questo consiglio ad esempio un uomo che domenica, verso mezzanotte, ha visto entrare nel proprio giardino, in via dei Papaveri, a Opicina, quattro o cinque persone, che avevano scavalcato il recinto fino a piegarlo. Sono scappati via subito proprio alla vista del proprietario.

Una decina, come detto, sono i casi individuati nelle ultime due settimane dai carabinieri. Tre le circostanze che secondo gli investigatori della Stazione di Aurisina sarebbero riconducibili a un’unica mano: forse una banda, ma non di professionisti, visto che, la maggior parte delle volte, il bottino che è riuscita a portare via era magro. La decina di colpi sarebbe stata messa a segno soprattutto di giorno.

I ladri approfittano anche dell’assenza per vacanza dei proprietari nel periodo estivo. Ma non solo. Nella zona di Aurisina Stazione, di recente, marito e moglie si erano allontanati da casa per mezz’ora. Un periodo di tempo sufficiente, di cui i malviventi hanno approfittato, dopo aver monitorato la casa: hanno portato via soprattutto gioielli di famiglia. Quando la coppia è rientrata ha visto le tende ancora muoversi e sul divano un piumino, un phon e una piastra per capelli che, nella fretta, i banditi non avevano avuto il tempo di prendere. —


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Trieste, presidio del Clpt davanti al porto in solidarietà ai lavoratori sospesi e licenziati

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi