Aquileia, il cane cieco che trova le persone scomparse

Lo splendido Asso

La struggente storia di Asso che dopo aver perso la vista a 7 anni è diventato un campione nella tecnica “mantrailing”

AQUILEIA I suoi occhi non vedono ma, con impegno e non senza difficoltà, è riuscito a diventare un campione nella ricerca delle persone scomparse. Si chiama Asso ed è un bellissimo Pastore di Lagorai, diventato cieco all’età di 7 anni, come racconta il suo proprietario, Alessio Sverzut, aquileiese, che gestisce, assieme alla fidanzata Catia Bernardis, la fattoria Cumugnai di località Quarta Partita.

Alessio Sverzut con Asso


Il loro è un rapporto speciale, come quello che spesso si instaura tra uomo e animale, un’empatia bastata sulla fiducia e sull’affetto reciproci. Alessio e Asso sono riusciti a superare anche il limite della cecità. Il quattro zampe più famoso della città romana, infatti, sta collezionando vittorie in tutta Italia in una nuova disciplina: il mantrailing, che permette di ritrovare le persone scomparse.

Maggiori informazioni sul sito del Messaggero Veneto

Asso durante un'esercitazione

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Egitto, per la prima volta l'arte contemporanea in mostra ai piedi delle Piramidi di Giza

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi