La Regione Fvg recede dalla rete nazionale Ready anti-omofobia

La sede della Regione, in piazza Unità

La decisione di non aderire più alla rete contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere è stata assunta dalla giunta nel quadro di "un riesame delle politiche regionali relative ai temi dell'inclusione sociale e delle pari opportunità". L'assessore Rosolen: "No indottrinamento"

TRIESTE Solo due giorni fa il governatore Massimiliano Fedriga aveva spiegato che il programma della giunta di centrodestra avrebbe messo la «famiglia naturale» al centro, nella considerazione che l’unione fra uomo e donna sia «cardine della società». Un messaggio chiaro, seguito ieri dal primo segnale dell’esecutivo, che ha deliberato di uscire da Re.a.dy, la Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni anti discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. La scelta è la stessa assunta dal sindaco Roberto Dipiazza dopo il suo insediamento e l’assessore regionale alla Famiglia Alessia Rosolen la motiva spiegando che «le istituzioni scolastiche e le famiglie hanno strumenti sufficienti per insegnare e trasmettere i valori del rispetto e della diversità. Ogni altra iniziativa sul tema rischia di essere solo un indebito indottrinamento».

Una nota dell’esecutivo aggiunge che la «posizione è assunta nel quadro di un complessivo riesame delle politiche relative ai temi dell’inclusione sociale, delle pari opportunità e della non discriminazione». La Regione a trazione leghista non gradisce che «la rete Re.a.dy ha approvato un documento vincolante, che prevede una serie di attività aventi a oggetto esclusivamente le tematiche attinenti a Lgbt, lesbiche, gay, bisessuali e transgender». Il comunicato prosegue evidenziando come «le categorie da tutelare siano molteplici e che debba avviarsi una riflessione in merito al bilanciamento delle azioni a beneficio delle categorie più svantaggiate verso il conseguimento delle pari opportunità»: quali siano queste categorie e quali le azioni, al momento, non è però dato a sapere.

Rosolen ricorda inoltre che esistono già qualificati strumenti per la tutela delle discriminazioni, tra cui il garante regionale del diritto della persona, istituito nel 2014 e nominato dal Consiglio regionale. Responsabile dell’ufficio è Walter Citti, già criticato in passato dal centrodestra per le proprie posizioni a sostegno del Gay Pride. Una posizione che stride con quella della nuova giunta e, non a caso, il garante si rende irreperibile per tutta la giornata. A parlare è invece l’Arcigay, che in una nota dichiara che «se quanto affermato da Rosolen corrispondesse alla realtà non esisterebbero discriminazioni legate all’identità di genere».

Per l’associazione, «discriminazioni e violenze esistono ancora e soprattutto nelle istituzioni scolastiche e nelle famiglie. Invitiamo l’assessore Rosolen a conoscere direttamente le esperienze negative che vivono una buona parte delle ragazze e dei ragazzi Lgbt, la cui vita ancora oggi è determinata da paura e insicurezza». Secondo Arcigay, «non si tratta di gerarchizzare le discriminazioni, ma di riconoscerle nelle loro specificità: solo così si può lavorare per il loro contrasto e la loro prevenzione».

La scelta della giunta provoca intanto la rivolta del Partito democratico, mentre il M5s non interviene nel dibattito. Per la deputata Debora Serracchiani «la Lega fa il primo passo verso l’intolleranza: da oggi in Fvg le minoranze di qualsiasi genere saranno meno garantite». Per l’ex governatrice, «Fedriga si fa dettare l’agenda da Filippo Savarese, che un mese fa gli chiedeva su Twitter di uscire da Re.a.dy. Questi è il direttore della piattaforma CitizenGo Italia, l’associazione che ha tappezzato Roma dei manifesti con le scritte “l’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo”». L’ex assessore Loredana Panariti, titolare delle stesse deleghe di Rosolen, scrive su Facebook che «i diritti sono la base della democrazia e chiamare le discriminazioni col loro nome non significa fare gerarchie, come fanno loro».

Duro il commento della consigliera regionale Chiara Da Giau: «Davvero una brutta partenza per la tutela di intere fasce di popolazione. Dopo la sottolineatura fatta dal presidente rispetto alla tutela delle famiglie naturali, non tarda a dipanarsi il progetto discriminante e restauratore della nuova giunta che vuole riportarci a oscurantismi del passato. Tutto ciò mentre i dati ci dicono quanto diffuso sia il fenomeno del bullismo omofobico». Il segretario regionale dem, Salvatore Spitaleri, si dice «amareggiato davanti alla scelta della giunta fascioleghista: questa destra fa piazza pulita di spazi di libertà». Interviene anche la segretaria dei Giovani democratici Fvg Caterina Conti: «Imperdonabile che nelle nomine ufficiali della nuova giunta, il presidente si sia “dimenticato” di assegnare le deleghe alle Pari opportunità e alle Politiche giovanili». Open Fvg critica infine con Giulio Lauri «scelte ideologiche tese a sottrarre opportunità e diritti». La maggioranza si arrocca in difesa.

Per il capogruppo leghista Mauro Bordin «puntualmente è partita la consueta tiritera sulla lesione dei diritti civili, sull’intolleranza, sul riemergere dell’oscurantismo del passato: considerazioni prive di fondamento, specie in ragione del fatto che già esistono leggi ed organismi deputati a combattere ogni forma di discriminazione». Per il capogruppo di Fdi Claudio Giacomelli «nessuno sostiene le discriminazioni. La Regione mette già a disposizione strumenti istituzionali adatti, gli insegnanti delle scuole sanno fare il loro mestiere e soprattutto ci sono le famiglie, cardine dell’educazione. La Rete Re.a.dy non aggiunge assolutamente nulla». Pieno sostegno anche dai gruppi “no gender” come il Comitato “Vogliamo educare i nostri figli”: «Siamo contenti perché questa decisione inverte una tendenza che da anni si era seguita per esasperare il fenomeno della discriminazione che ci può essere nei confronti delle persone omosessuali. Fenomeni di discriminazione non sono un’emergenza nella nostra regione e si possono combattere con l’educazione».

Video del giorno

A Trieste la proposta di matrimonio di Salvatore alla sua Carla nel linguaggio dei segni

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi