Grillino lui, democratica lei: la “favola” dei fratelli Grim

I due fratelli Grim

I Cinquestelle indicano Federico, biologo di 58 anni, come assessore all’Ambiente   Antonella, ex segretaria Pd, abbozza: «Siamo una famiglia impegnata in politica»  

TRIESTE. Dopo la sfilata romana dei papabili ministri, i grillini del Friuli Venezia Giulia presentano la squadra pure in regione. Prima di sapere se vinceranno. Ma, se vinceranno, all’Ambiente ci sarà Federico Grim, biologo e, dettaglio ancora più sorprendente, fratello dell’ex segretaria regionale del Pd Antonella Grim. Un curriculum, il suo, da grillino doc: attivista della prima, è stato anche consulente del gruppo consiliare pentastellato, che gli aveva affidato un paio di anni fa un’indagine, pagata poco meno di 20mila euro, mirata a individuare i contaminanti organici persistenti in alcune galline del Maniaghese. “Cicken pops”, così si chiamava il progetto, dimostrò una grave contaminazione da diossina, con valori fino a sei volte superiori a quelli di legge. Curioso incrocio se si pensa che la sorella Antonella è funzionario amministrativo dell’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. «Siamo una famiglia impegnata in politica - commenta l’ex segretaria dem senza mostrare sorpresa per l’investitura del fratello -. Grazie al papà che ci ha trasmesso la voglia di metterci al servizio della comunità, viviamo un confronto schietto, leale e trasparente».



Il primo nome di un’eventuale giunta del Movimento 5 Stelle è dunque quello di Federico Grim, 58 anni, laureato in Scienze biologiche con indirizzo ecologico-marino, al lavoro da metà degli anni Ottanta nel campo delle consulenze e ricerche sull’inquinamento ambientale, dal 2011 rappresentante dell’Ordine dei Biologi Fvg nella Consulta regionale delle professioni. La chiave del suo assessorato passerà per la prevenzione dei problemi ambientali, dato che «il costo di una bonifica è cento volte superiore al potenziamento di una rete di controllo», ha spiegato ieri in occasione della presentazione. In agenda anche le battaglie per la tutela dell’acqua dalle contaminazioni e per la biodiversità. Quanto alla Ferriera, «potrebbe diventare un ottimo museo della ghisa. Nell’Est Europa, del resto, hanno avuto il coraggio di demolire i vecchi impianti e di costruirne di nuovi con i contributi dell’Ue. Ma dovremmo intervenire anche su altre strutture inquinanti, come l’inceneritore». «Abbiamo individuato una persona di grande competenza che è anche un nostro attivista, fondendo in un’unica figura la preparazione e l’adesione ai valori del movimento», sottolinea da parte sua il candidato presidente M5S Alessandro Fraleoni Morgera, confermando che prima del voto l’ipotetica giunta grillina completerà il suo volto.

Da parte loro gli avversari a fare nomi non ci pensano. Massimiliano Fedriga, tuttavia, un’anticipazione non la nega: la sua giunta sarà composta da persone che faranno un unico mestiere, quello dell’assessore. Il candidato del centrodestra, che già nei giorni scorsi aveva parlato di un esecutivo con le nuove deleghe alla disabilità e all’agroalimentare, informa che, se toccherà a lui governare il Fvg, non ci saranno doppi lavori per nessuno. «Se qualcuno non dimostrasse capacità ed efficacia adeguata - spiega -, l’alternativa non potrà essere un posto in Consiglio. Se ne dovrà andare a casa». E dunque, nel momento delle scelte, Fedriga opterà o per esterni che non hanno partecipato alla corsa al seggio, come per esempio Riccardi, o per eletti che dovranno però rinunciare al loro posto in Consiglio (potrebbe essere la prima “grana” per la coalizione a trazione leghista). Il conseguente aumento dei costi? «Sarebbe molto più grave buttare via lo stipendio di un assessore che non fa il proprio lavoro né bene né a tempo pieno - risponde Il deputato della Lega -. A me interessa quanto uno produce in una sola mansione, non pagare qualcuno che ne fa male due. Un’azienda non lo tollererebbe e non intendo tollerarlo io». Di nomi Fedriga non ne fa ancora (nemmeno quello di Federica Seganti, che continua a circolare): «Ne ho alcuni in testa, ma li tengo per me». Eccezion fatta per Riccardi: «Decideremo assieme alla squadra, ma di Riccardo ho già parlato pubblicamente». I grillini che già schierano le truppe? Fedriga ironizza: «Visto lo show nazionale di ministri che mai avranno quell’incarico, non ci sorprende che pure in Fvg si faccio un po’ di spettacolo».

Posizione ancora più blindata quella di Sergio Bolzonello, vicepresidente di una giunta a nove membri ma che preferisce per il momento non intervenire nemmeno sul numero di un prossimo esecutivo a guida Pd. «Abbiamo scelto in maniera condivisa il candidato presidente insieme agli alleati - dice invece il segretario regionale dem Salvatore Spitaleri -. E dunque, ritenendo gli assessori i primi responsabili di un programma condiviso, li sceglieremo nei tempi congrui, evitando inutile propaganda».

Nessuna mossa in stile pentastellato nemmeno da parte del Patto per l’Autonomia. Sergio Cecotti mantiene il tradizionale riserbo, fa sapere il suo staff. Facile pensare che, nel caso di clamoroso successo, l’ex sindaco di Udine possa pescare tra gli uomini di fiducia. In primis quel Giorgio Cavallo che è stato suo assessore per due mandati nel capoluogo friulano.

(ha collaborato Simone  Modugno)

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi