Quella fila all’alba per uscire dalla morsa delle bollette

Fabrizio Nangano davanti alla sede della Fondazione Casali

Con una mano tiene stretta una busta di carta, mentre infila l’altra in tasca per cercare di tenere alla larga il freddo di un lunedì mattina di metà dicembre