Premiato il volontariato di TriesteAltruista

La onlus entra a far parte del circuito nazionale la “Mappa dell’Italia che dona”. È l’unica in regione

“TriesteAltruista”, l’organizzazione triestina di volontariato senza fini di lucro e indipendente, fondata nel 2012 da soggetti privati e che oggi conta più di mille aderenti, è entrata a far parte, unico soggetto dell’intero Friuli Venezia Giulia, della “Mappa dell’Italia che dona”. Un importante riconoscimento per il gruppo che ha, come obiettivo istituzionale, quello di creare, in collaborazione con le onlus, gli enti pubblici e le aziende, significative opportunità di volontariato, che siano flessibili e da svolgere in gruppo, adatte anche a chi ha poco tempo e non può garantire continuità. L’ingresso dell’associazione triestina nel novero nazionale è avvenuta nell’ambito della “Giornata del dono”, tenutasi a Milano, nel corso della quale privati, istituzioni, associazioni di volontariato sono stati chiamati a proporre iniziative per sensibilizzare la cultura del dono. «TriesteAltruista ha ottenuto l’ammissione alla Mappa – ha spiegato nel dettaglio Gennaro Andino Castellano, uno dei fondatori dell’associazione – in virtù della presentazione del corso di formazione per capi progetto dal titolo “Donatori del proprio tempo e artefici del cambiamento”». «Il dono è diventato un patrimonio della Repubblica – ha detto il presidente dell’Istituto italiano della donazione, Edoardo Patriarca - e la Giornata istituita dal Parlamento due anni fa è servita a liberare energie e idee che stanno migliorando l’Italia». Le scuole e i giovani sono stati i protagonisti del Giorno del Dono 2017: 10mila studenti di 64 istituti scolastici sono stati coinvolti. Quasi 150 invece le amministrazioni comunali che hanno partecipato alla campagna, raddoppiate rispetto al 2016, con iniziative o adesioni morali. Oltre 250 gli enti del terzo settore che hanno dato il loro contributo con iniziative o adesioni e circa 20 le imprese che hanno voluto celebrare il Giorno del Dono. «Insieme a MilamoAltruista e Romaltruista – ha precisato Castellano – siamo affiliati come membri alla rete HandsOn, una no profit di origine statunitense, presente in 250 città americane e in 16 paesi del mondo. In questo modo – conclude il co-fondatore di TriesteAltruista – avremo sempre maggiori opportunità di contatto e interazione con vari soggetti e potremo ampliare il nostro raggio d’azione».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Sci paralimpico, Mondiali: Martina Vozza in azione assieme alla guida Ylenia Sabidussi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi