Arriva Forza Nuova. La Questura “limita” il corteo femminista

La sede della Questura di Trieste in via del Teatro Romano

La rete “Non Una di Meno”: «Vogliono silenziarci». La replica: «Solo un invito a evitare la zona del presidio» 

Piazze calde a Trieste nel pomeriggio di domani, sabato 18 novembre, perché nella stessa giornata, a distanza di solo mezz’ora l’una dall’altra, si svolgeranno le manifestazioni della rete femminista Non Una Di Meno, con ritrovo alle 16 in piazza della Borsa, e della compagine neofascista di Forza Nuova, che si riunirà in presidio con gazebo, bandiere, megafono e striscioni alle 16.30 in via delle Torri.

Le prime manifesteranno per dire no alla violenza sulle donne, i secondi per dire no all’immigrazione e allo ius soli. Per scongiurare qualsiasi rischio legato a un eventuale contatto tra i manifestanti, anche se in un caso si tratta di manifestazione vera e propria, nell’altro di un presidio, la Questura ha deciso di limitare lo spazio in cui potrà svolgersi il corteo femminista, pensato per preparare gli animi alla manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Contrarietà a immigrazione e Ius soli


«Per decisione della Questura una larga fetta del centro cittadino ci sarà interdetta – dice un comunicato della rete femminista –. La nostra iniziativa infatti si svolge in contemporanea a un presidio di Forza Nuova, formazione che si dichiara apertamente fascista. Le due manifestazioni vengono considerate incompatibili, e su questo non possiamo che concordare: neofascismo e violenza di genere vanno da sempre a braccetto».

Il problema però, sottolinea il comunicato, è che la Questura proibisce a Non Una di Meno l’accesso a buona parte delle vie principali della città, anche molto distanti dalle bandiere di Fn. «Lo spazio pubblico ci è interdetto “per la nostra protezione” – evidenziano le donne di Nudm –. Così ancora una volta, con la scusa di proteggerci, vorrebbero silenziarci. Ancora una volta la risposta a una minaccia per le donne (e il neofascismo è, a tutti gli effetti, una minaccia per le donne) è l’interdizione delle donne stesse. No, grazie – conclude il collettivo –, non vogliamo la vostra protezione». La Questura, interpellata in proposito, fa sapere di essersi limitata a suggerire al gruppo di Nudm di evitare la zona circostante al presidio di Forza Nuova. Questo perché la richiesta di Fn era arrivata prima, quindi quello spazio era già stato assegnato al presidio.

Il gruppo si mobilita per dire no alla violenza contro le donne


La rete Nudm, che evidenzia di riconoscersi nei valori del femminismo, dell’antifascismo e dell’antisessismo, invita tutti in piazza per dire no alla violenza sulle donne e alla cultura che la produce. «Vogliamo ri-prendere parola: vogliamo dire “basta!” alla violenza contro le donne e alla cultura che la produce – dicono dalla rete di Nudm –: una cultura sessista, patriarcale e discriminatoria, non solo verso le donne. Non accettiamo che la violenza di genere, che i nostri stessi corpi vengano strumentalizzati come pretesto per politiche securitarie, razziste ed escludenti».

Ma non lontano da loro ci sarà un altro no che verrà urlato con voci tonanti: sarà quello dei militanti di Forza Nuova, che istituiranno un presidio per manifestare tutta la loro contrarietà all’immigrazione e allo ius soli. «Forza Nuova scenderà di nuovo in piazza per dire no allo ius soli e al tentativo di introdurlo in Italia con un colpo di coda a fine legislatura da parte del Pd e del Movimento 5 stelle: l’apertura di Di Maio allo ius soli è di queste ore», dichiara il segretario regionale di Forza Nuova Denis Conte.

Mentre sul comunicato ufficiale del partito si legge proprio ciò che la rete femminista definisce «strumentalizzazione dei corpi come pretesto per politiche securitarie, razziste ed escludenti»: tra i rischi dell’approvazione dello ius soli il partito infatti mette proprio, insieme ai quartieri invivibili e degradati e alla delinquenza, gli «stupri e le molestie alle donne italiane». Insieme ai militanti neofascisti, che la Questura si è preoccupata di tenere lontani dalla manifestazione della rete femminista limitando gli spazi a disposizione di quest’ultima, scenderà in piazza anche il consigliere comunale Fabio Tuiach. Che dopo il divorzio dalla Lega seguito alle sue frasi choc sul femminicidio («è un’invenzione della sinistra», aveva detto un mese fa nella commissione comunale impegnata a discutere una mozione sullo stalking e aveva poi ribadito sui social), sembra aver trovato una sua nuova collocazione politica.
 

Zuppetta di sedano rapa, mela verde, quinoa, mandorle e cavolo nero

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi